Live! La corsa delle tartarughe liuto

La Grande Corsa delle Tartarughe
Ogni 3-4 anni, le tartarughe liuto dell'Oceano Pacifico - rettiloni marini lunghi circa 2 metri, che arrivano a pesare più di 700 kg - nuotano dalla Costa Rica alle Galapagos (1500 km circa) per andare a deporre le loro uova.

Quest'anno alcune associazioni che si battono per scongiurare l'estinzione di queste tartarugone ne hanno munite 11 di un trasmettitore satellitare in grado di comunicare la posizione in tempo reale. Chiunque può seguire la loro corsa verso le spiagge delle Galapagos sul sito "The Great Turtle Race", dove le tartarughe vengono presentate come fossero personaggi di un cartone animato impegnati in una gara di velocità e dove si trovano anche simpatiche animazioni che spiegano un sacco di cose sulle tartarughe liuto del Pacifico (nella sezione Leatherback World: On the Brink).

Mentre scrivo la maglia rosa è di Windy, una tartaruga partita con alcune ferite sulla spalla, ma che ha già dimostrato la sua determinazione nel 2004/2005, quando ha deposto le uova per ben 10 volte!

L'iniziativa serve a sensibilizzare il grande pubblico sul rischio estinzione di questi animali e raccogliere fondi per la loro protezione: le femmine di tartaruga liuto, nel mondo, sono infatti passate dalle 115000 unità degli anni '80 alle 25000 di oggi.

La causa del loro rapido declino risiede in vari tipi di attività umane:

  • Pesca: gli esemplari adulti vengono spesso intrappolati nelle reti ;

  • Turismo: le spiagge di deposizione delle uova sono sempre più ridotte a causa della continua costruzione di nuovi palazzi ;
  • Commercio: le uova vengono rubate per essere vendute sul mercato nero come afrodisiaci ;
  • Inquinamento: può danneggiare sia gli esemplari adulti che le uova.
  • Il risultato è che solo una su mille delle tartarughine che escono dalle uova arriva a diventare adulta. E dire che i predatori naturali delle tartarughe liuto sono pochissimi.

    The Great Turtle Race, organizzata da The Leatherback Trust, Tagging of Pacific Pelagics, Conservation International e ministero costaricano dell'ambiente e dell'energia, non fa altro che "popolarizzare" - a scopo divulgativo - una tecnica ampliamente usata a fini scientifici, quella del tracciamento degli animali. Già da tempo seaturtle.org ha reso disponibile on line il tracciamento delle tartarughe di varie specie, sparse un pò dappertutto per il globo. The Great Turtle Race è però decisamente più divertente.

    » Segui in diretta la «corsa delle tartarughe» su Corriere.it
    » Tartaruga liuto o tartaruga coriacea sul sito dell'Università di Padova dedicato alla mostra "La curiosità e l'ingegno"
    » Il tracking satellitare delle tartarughe su ecoblog

    • shares
    • Mail
    3 commenti Aggiorna
    Ordina: