Teleriscaldamento a Monteverdi: quando si vuole, si può

Teleriscaldamento a MonteverdiIn due post di questi giorni (questo e questo) ci siamo occupati del referendum per la realizzazione di un parco eolico che si è svolto a Monteverdi Marittimo (PI). Adesso però mi piacerebbe parlare anche del progetto di teleriscaldamento da fonte geotermica collegato al progetto eolico. I dettagli li fornisce il Comune nella sua newsletter dedicata ai suoi concittadini. Si tratta a mio avviso di un’ottima pensata che vale un encomio.

Monteverdi Marittimo è una piccolissima amministrazione territoriale che conta meno di 800 abitanti, le cui risorse economiche sono quindi molto limitate. Ciò nonostante l’amministrazione comunale si è impegnata ad allacciare tutte le abitazioni del Comune al teleriscaldamento, dato che in zona esiste una centrale geotermica dell’ENEL (nella foto).

Per allacciare le 490 utenze comunali è necessario un investimento di ben €6 milioni. Come può un piccolissimo comune coprire una cifra del genere? Una buona parte, €3'265'000, verrà da contributi europei assegnati alla Toscana, mentre €735’000 saranno investiti direttamente dai cittadini, che pagheranno €1500 ad utenza. Per i restanti 2 milioni il Comune si era rivolto invano ad ENEL ed imprenditori. Il problema con l’imprenditoria privata era che la remunerazione del capitale avrebbe annullato per molti anni i benefici sulle bollette dei monteverdini. Da qui la soluzione del parco eolico: con quello è possibile incassare royalties tali da consentire sia di finanziare il teleriscaldamento che di distribuire gli introiti alla popolazione (tramite sconti sulla bolletta ENEL o con altri benefici).

La gara di appalto per la realizzazione del teleriscaldamento si è conclusa l’11 aprile scorso con la presentazione di offerte da parte di ben 19 imprese diverse: “un numero - dice il Comune - largamente superiore alle più ottimistiche previsioni”.

L’impegno di Monteverdi Marittimo dimostra, a mio avviso, che la determinazione e la capacità di trovare soluzioni innovative possono sormontare gli ostacoli più grandi. In questo caso, l’ambiente ha beneficiato due volte dell’astuzia dei monteverdini: una con il teleriscaldamento e l’altra con l’energia del vento. Dal canto loro, i Monteverdini per avere riscaldamento ed acqua calda sufficienti per un'abitazione di 100 metri quadri spenderanno solo €700 all'anno.

Via | La ruga (newsletter del Comune di Monteverdi)

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: