Una "ragazza" per George il solitario

Lonesome George e' l'ultima tartaruga gigante della sua specie, nelle Galapagos. Foto Mike Wetson

Si pensava che Lonesome George (George il solitario) fosse l'ultima tartaruga vivente della sua sottospecie: le tartarughe giganti delle Galapagos (Geochelone nigra abingdoni). Forse non e' vero. Forse c'è ancora speranza.

Dal 1972, anno in cui fu trovato sull'isola di Pinta, vive in cattività presso la Stazione di ricerca Charles Darwin (isola di Santa Cruz). Non essendoci altre tartarughe, femmine in particolare, si pensava che George sarebbe morto senza eredi e che la sua sottospecie si sarebbe estinta con lui.

Vi ricordo che le isole Glapagos sono diventate famose perché gli animali che le popolano sono diversi, da un'isola all'altra. Una recente ricerca genetica effettuata in un'altra isola dell'arcipelago (Isabella) e pubblicata su Current Biology, ha evidenziato come ci siano degli ibridi tra due sottospecie: G. nigra abingdoni x G. nigra becki. In pratica, le tartarughe dell'Isola Isabella si sono incrociate con quelle dell'Isola di Pinta.

Adesso la speranza dei ricercatori e' che tra le 2000 tartarughe dell'Isola Isabella ci sia almeno una femmina "pura" ovvero con tutti i geni G. nigra abingdoni. Vi ricordate gli incroci tra i piselli con fiori bianchi e rossi? Alla prima generazione avrete un 100% di ibridi rosa, alla seconda generazione i geni segregano dandovi (circa) 50% rosa, 25% rossi e 25% bianchi. Ecco, le cose sono un attimo più complicate (non siamo di sicuro nella seconda generazione, non parliamo di un solo gene, ...) ma il concetto e' sempre buono.

Serviranno 20 persone e 2 mesi di lavoro per raccogliere i campioni di DNA da confrontare con quello di George. Le tartarughe dell'Isola Isabella verranno tutte munite di un trasmettitore, per poter poi ritrovare la "fortunata" che sarà prelevata dall'Isola e portata da George.

(Visto il successo riproduttivo degli animali in cattività... non si sarebbe potuta considerare l'idea di portare George da lei? No, George potrebbe preferirle una amica meno "pura" e più attraente. Si spera che il tutto funzioni. Considerate che sono 35 anni che George non... ecco... mi avete capita!)

» Una compagna per “George il Solitario” su Galileo
» Last chance looms for lonely George on Telegraph
» Making Strides to Restore the Galapagos Tortoise Dynasty

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: