Terra Futura 2007

Terra_Futura Gli appuntamenti ambientali non finiscono mai. Presentata al World Social Forum di Nairobi, si svolgerà dal 18 al 20 maggio 2007 alla Fortezza da Basso a Firenze la IV edizione di Terra Futura, la mostra convegno internazionale delle buone pratiche di sostenibilità. L’iniziativa è promossa e organizzata dalla Fondazione Culturale Responsabilità Etica Onlus per conto del sistema Banca Etica e in collaborazione e partenariato con associazioni e istituzioni. Divulgare, far conoscere le novità “eco”, ma soprattutto sensibilizzare a un “cambiamento nonviolento” verso una società più rispettosa della natura e non solo sono tra gli obiettivi di Terra Futura. Cinque le aree tematiche interessate: abitare, produrre, coltivare, agire e soprattutto governare!

Tanti gli stand espositivi e i convegni e seminari a cui si potrà assistere e su cui si potrà riflettere. Tra le iniziative speciali segnalo il Premio “Architettura e Sostenibilità” indetto dall’Istituto Nazionale di Bioarchitettura e da Terra Futura per le migliori tesi di laurea sul tema. Sempre in materia di bioedilizia uno spazio ad hoc, denominato “Casa Natura”, sarà destinato a incontri e offerte per una abitazione ecoefficiente. Interessante anche l’area laboratorio dove si potrà dare spazio alla propria fantasia creando manufatti e, perché no, piccole opere d’arte dal riutilizzo di materiali naturali o rifiuti.

Per un approfondimento segnalo l’intervista apparsa su Greenplanet di Ugo Biggeri, presidente della Fondazione promotrice dell’evento. Agli scettici per la costruzione di un mondo migliore Biggeri dice: “Lavoriamo 340 giorni all’anno senza aver tempo da dedicare ai nostri figli, solo per riuscire ad andare 15 giorni al mare d’estate; produciamo per poter acquistare l’ultima novità sul mercato in un circolo vizioso che ci rende perennemente insoddisfatti...Terra Futura offre innanzi tutto un’opportunità per rompere questa spirale. Secondariamente esiste senz’altro anche il livello della consapevolezza politica. E agli scettici vorrei solo ricordare che tutti i grandi cambiamenti sono avvenuti quando i singoli si sono riuniti, uno dopo l’altro, nel nome di un interesse comune. Ci vorrà ancora molto tempo, certo, però il fatto che ad esempio quasi tutte le imprese stanno ormai cercando di rivestirsi di una qualche patina di sostenibilità, dimostra che considerano quanto la gente domanda”.

Dimenticavo…l’ingresso è libero!

» Terra Futura
» Terra Futura, intervista a Ugo Biggeri - Greenplanet

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: