Seguici su

Energia

Coi mulini ci faccio un castello

E così l’eolico fa bene non solo all’ambiente, ma anche al patrimonio storico del nostro paese. Succede grazie all’iniziativa del Comune di Tocco da Casauria (PE), dove il rinnovamento di un parco eolico consentirà di finanziare la ristrutturazione del castello ducale simbolo del paese abruzzese (clicca qui per vedere una galleria fotografica del castello).

Il progetto di parco eolico sarà realizzato dalla Fera di Milano. L’azienda sostituirà le vecchie ed obsolete turbine con nuovi mulini, che garantiranno una produzione totale di 3600 MWh all’anno (pari al fabbisogno di circa 1000 famiglie). La potenza installata permetterà al Comune di incassare annualmente ben €113’000 di royalties e di pagare così il mutuo di €1 milione contratto dall’amministrazione per ristrutturare il castello di Tocco.

Il Comune di Tocco ha acquistato il castello 2 anni fa per €400’000 (una svendita, ma trattavasi di rudere!) e ha poi ricevuto €300’000 dalla Regione per consolidare la costruzione che stava collassando. Senza i soldi dell’energia eolica il castello di Tocco si sarebbe probabilmente avviato verso la seconda distruzione della sua storia. Costruito da Federico II tra il 1187 ed il 1220, il fortilizio fu infatti distrutto dal terremoto del 1456 e fu poi ricostruito in stile rinascimentale a forma rettangolare, con quattro torri quadrate agli angoli.

Il Comune ha anche deciso di destinare una piccola parte delle royalties al Centro Aiuti per l’Etiopia: durante il suo ciclo di vita (20 anni), il parco sosterrà a distanza due bambini etiopi.

Datemi pure dell’ottimista, ma sull’eolico continuo a pensare che il vento stia cambiando!

Via | Il Sole 24 Ore ed. 10/05/2007 pag. 23 (pdf)

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa