Celentano e la decrescita a RockEconomy: ma ci è o ci fa?

Celentano e la decrescita su canale5

Celentano parla (o predica, non so fate voi) di decrescita possibilmente felice, tra una canzone e uno sketch su Canale5 in prima serata. Finalmente arrivano in una tv commerciale i grandi temi per il pubblico del mainstream? Macché: il risultato non è proprio convincente. A esibirsi con lui in questa prima serata (stasera la seconda: guardatela se ne avete voglia!) Gianni Morandi, mentre in una sorta di allestimento in stile 4 amici al bar hanno discusso i temi più forti Jean-Paul Fitoussi economista anti economia della crescita, Sergio Rizzo e Giannantonio Stella padri dell'anticasta. Nel mezzo brani e letture di Geremy Rifkin e Serge Latouche (li trovate sul live di TVBlog). Eppure il senso profondamente rivoluzionario che ha dentro di se una economia come la decrescita (felice) non ha proprio sfondato il muro della tv. Perché?

Ma riflettiamo: questo signore settantaquattrenne vestito Armani dalla testa ai piedi vorrebbe a pelle e a pancia trasmettere al pubblico dell'Arena di Verona (i biglietti però sono stati venduti da 1 euro a 160 euro) e televisivo il messaggio che a consumare meno ci si guadagna tutti: lui che intasca non si sa quanto per dircelo in Tv?

Insomma più che una telepredica sembra solo un papocchio mal riuscito dove invece ci sarebbe necessità di farlo riuscire e anche bene. Un tentativo meno maldestro lo fece Santoro nella scorsa edizione di Servizio pubblico quando diede spazio a Latouche.

Di fondo però a Celentano resta, a mio parere, l'incapacità di gestire temi così grandi in contesti così finti. La Tv è oramai fiction e non è più attrezzata a sostenere la divulgazione nemmeno se si usa il grimaldello dello spettacolo, del nome, dell'attrazione.

Celentano non riesce a creare il tessuto connettivo alla sua storia, che per me, va assolutamente raccontata, ma che ho l'impressione che invece lui non conosca bene: mi sembra più innamorato dell'idea e basta piuttosto che un signore che si sia reso profondamente conto della situazione in cui siamo. Temo che stasera sarà ancora una occasione persa per spiegare in poco tempo e a tantissime persone (ieri l'audience è stata di poco meno di 10milioni di telespettatori) dell'urgenza di rivedere il nostro sistema economico.

Celentano, provaci sul serio, dai!

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: