Gas: indagini su ENI per truffa

Scaroni indagato per truffa dell'ENILa guardia di finanza ha perquisito stamattina gli uffici dell'ENI, nell'ambito di una indagine sulla misurazione del gas, che potrebbe essere stata fraudolenta. Le società del gruppo ENI coinvolte sono Snam Rete Gas e Italgas. Tra le persone oggetto di indagine, oltre ad altri manager, risulta anche Paolo Scaroni, in qualità di legale rappresentante della Eni Spa.

Le accuse ipotizzate dai pm Sandro Raimondi e Maria Letizia Mannella della Procura di Milano, che dirige l'inchiesta, sono a vario titolo truffa, violazione della legge sulle accise, ostacolo all'attività di vigilanza e l'uso o detenzione di misure o pesi con falsa impronta. L'ENI si e' affrettata a tranquillizzare i cittadini specificando che non si tratta di problemi riscontrabili nelle bollette delle utenze domestiche, ma sui misuratori venturimetrici.

Googlando "misuratori venturimetrici" ho scoperto che si usano per contabilizzare i flussi e si usano, per esempio, negli impianti di teleriscaldamento. Non so se sia questo il caso di ENI, comunque, in un documento della Provincia di Torino sul teleriscaldamento dicono che di misuratori di portata ne esistono di diversi tipi:


  • elettromagnetici, abbastanza diffusa in quanto concilia buone prestazioni di misura (incertezza dell’ordine dello ± 0,5% ÷ ± 1,0%) con la loro caratteristica di non intrusività e di buon adattabilità alla misura di fluidi a temperature elevate;

  • ad ultrasuoni a tempo di transito, con stesse caratteristiche descritte al punto precedente ma con un’incertezza leggermente superiore (nell’ordine di ± 1,0% ÷ ± 2,0%);

  • volumetrici, con un’incertezza nell’ordine di ± 2,0% ÷ ± 5,0% ma costi molto competitivi;

  • venturimetrici, con un’incertezza molto elevata e intrusività nel principio di funzionamento. Tale soluzione è oggi poco usata.

Dopo la notizia, il titolo ENI ha iniziato a perdere punti in borsa. A questo si aggiunga la puntata di Report di ieri sera, in cui si criticava pesantemente la politica energetica dell'ENI, i rapporti con Gazprom, la necessità dei rigassificatori e la mancata divisione tra fornitore di gas e gestore della rete di distribuzione (Snam Rete Gas e' controllata dall'ENI, che il gas lo vende)... questa sembra essere proprio la settimana sfortunata della società.

» La Gdf perquisisce l'Eni: presunta truffa sul CorSera

  • shares
  • Mail
15 commenti Aggiorna
Ordina: