Macchine giganti per lavare l'aria di città

disinquinamento urbano con enorme condizionatore al plasma

Il Modular City Air Cleaner e' (banalizzando molto) un grosso filtro dell'aria capace (stando a quanto sostengono gli inventori) di pulire l'aria di una intera città da molti inquinanti. Hanno inoltre calcolato che in estate, con una temperatura esterna di +35 °C ed una umidità del 40% si otterrebbe un effetto di raffrescamento con abbassamento della temperatura di 6 o 7 °C.

La Vivex Engineering assicura che azionando il MCAC verrebbero filtrati CO, NOx, Idrocarburi, COV, nanoparticelle e la carica totale di batteri e virus. Un toccasana per l'aria inquinata di molte città.

Eccovi i risultati di test di abbattimento effettuati su macchine simili:


  • Polveri totali: tra 30% e 70%

  • Metalli: tra 40% e 90%

  • Ammoniaca: tra 35% e 65%

  • Idrocarburi vari: tra 20% e 50%

  • Monossido di carbonio: tra 40% e 80%

  • Ossidi di azoto: tra 40% e 90%

  • SOV: tra 65% e 95%

  • Carica batterica totale: tra 90% e 100%

  • Carica virale totale: tra 5% e 50%

Hanno cercato di costruirlo facendo in modo che avesse un basso impatto ambientale (può essere alimentato totalmente o parzialmente da pannelli fotovoltaici), un costo di esercizio altrettanto basso ed una affidabilità pluriennale.

Ho chiesto che mi calcolassero il disinquinamento del centro di una città come Milano, con raggio di 6 km per un'area di 28,3 km2, pari circa all’area urbana delimitata dalle tangenziali, costerebbe circa 40-50 milioni di euro.
Sarebbero necessari 60 - 80 moduli MCAC K500, nelle peggiori condizioni atmosferiche il consumo di acqua sarebbe di 350.000 litri/h. La rumorosità sarebbe minore di 65 dB(A). Se consideriamo che Milano ha 2 milioni di abitanti, i costi sarebbero di 20 – 25 €/ab per i lavori di installazione. Poi, il consumo energia elettrica a pieno carico 1,12 W/ab/h, il consumo acqua nelle peggiori condizioni 0,175 litri/ab/h.

Ho chiesto una valutazione di queste macchine ad amici (tanti) che lavorano con modelli matematici dell'atmosfera e tutti mi hanno detto che il problema di applicabilità di queste macchine e' che lavorano in spazi aperti. Condizionare un ambiente chiuso (abitacolo di una automobile, camera d'albergo o locali di un supermercato) funziona perché esistono delle barriere che ostacolano il naturale rimescolamento dell'aria. Lavorare in spazi aperti significa sfidare i gradienti di concentrazione che tendono a livellare la quantità di inquinanti presenti. Forse potrebbe funzionare in situazioni particolari, ad esempio quando c'è una inversione termica che impedisce il rimescolamento verticale dell'aria.

» Video che spiega il funzionamento del MCAC

  • shares
  • Mail
23 commenti Aggiorna
Ordina: