Zoomafia: 3 miliardi sulla pelle degli animali

rapporto LAV sui maltrattamenti agli animali. foto RivardIl giro d'affari stimato nel rapporto sulla zoomafia stilato dalla LAV (Lega Anti Vivisezione) parla di 3 miliardi di euro guadagnati sfruttando gli animali.

Corse clandestine di cavalli e infiltrazioni criminali nel settore dell’ippica sono state riscontrate anche dalle forze dell'ordine: nel 2006 la polizia ha fermato 7 corse illegali, ha sequestrato 143 cavalli, denunciato 273 persone e arrestate 53.
Nel corso delle inchieste sono state trovate oltre 10mila confezioni di farmaci per dopare i cavalli, costretti poi a correre su piste improvvisate, in condizioni di scarsa visibilità (le corse clandestine si svolgono spesso all’imbrunire o di notte). Il doping compare nelle gare clandestine, in quelle ufficiali, e pure in quelle legate a feste tradizionali.

I cani non se la passano meglio: nel 2006 sono stati 30 mila i cuccioli importati illegalmente in Italia. Sono destinati ai combattimenti tra cani (per fortuna in calo), o ad essere venduti. Se sono sfortunati finiscono i loro giorni in un canile sovraffollato, magari sovvenzionato da fondi pubblici. Il giro d'affari sui cani randagi e' di 500 milioni di euro l’anno. (La foto della carne di cane al mercato mi faceva troppa impressione per pubblicarla)

Tra gli illeciti amministrativi e i reati legati agli animali si leggono cose allucinanti come "la procurata epidemia" e il commercio di carni provenienti da animali malati, realizzato con la complicità di veterinari pubblici. Questo fatto non urta solo la sensibilità degli animalisti, ma e' un pericolo per la salute pubblica.

Il bracconaggio e', ovviamente, affiancato dal commercio di armi (e sapete benissimo che tipo di persone vendano armi modificate su richiesta del cliente).
Per mare succedono cose anche peggiori che in campagna: per darvi un'idea, nel 2006 sono stati sequestrati 800 chilometri di reti spadare, 50 persone arrestate per pesca di vongole nella laguna veneta (una uscita a vongole rende 500 euro a notte, ma le vongole non sarebbero da mangiare, visto che filtrano troppi inquinanti per essere sicure per l'alimentazione umana!)

Il traffico di fauna esotica protetta rappresenta un terzo delle vendite di animali e frutta 500 milioni di euro l’anno. Si va dagli animali vivi o impagliati fino alle pozioni cinesi a base di tigre o i portafogli in pelle di pitone e varano.

Il Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia, on. Francesco Forgione, ha intenzione di lavorare ad un "protocollo d'intesa della Commissione Antimafia con la LAV perché le informazioni fornite sono vere e proprie notizie di indagine, materiale prezioso di denuncia. C'è bisogno di inasprire le pene oltre che le sanzioni: questi non sono reati amministrativi, sono reati penali perché legati direttamente alle attività criminali mafiose".

Via | LAV

» Il rapporto dello scorso anno sulle zoomafie

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: