Come sarebbe la Terra senza gli uomini?

Come sarebbe la terra senza gli uomini? Se per ipotesi fantascientifica tutti gli esseri umani presenti su questo pianeta dovessero scomparire da un giorno all'altro, che succederebbe al nostro pianeta?
Lo leggo sullo speciale Atlante di Repubblica in vendita da ieri insieme al quotidiano, intitolato "Il pianeta impazzito", che raccoglie innumerevoli contributi apparsi sul quotidiano e altri ad hoc sul tema dei cambiamenti climatici. Tra tutti, questo articolo in particolare mi è sembrato molto curioso.

L'articolo riporta una ricerca fatta qualche mese fa dal New Scientist, illustre rivista scientifica inglese. Per ipotesi immaginiamo che non ci sia più anima viva da un giorno all'altro. Che farebbe Gaia a questa notizia? Stapperebbe champagne a non finire?
Facciamo un giochino, io vi elenco gli effetti e voi segnate su un foglietto la vostra ipotesi. Di seguito metterò la stima del tempo in cui quell'effetto si verificherà. Fateci poi sapere quante ne avete azzeccate.

Gli effetti presi in considerazione:
1 - gran parte delle specie a rischio di estinzione si salverebbero
2 - scomparsa dell'inquinamento acustico
3 - termine dell'inquinamento luminoso
4 - diminuizione significativa dell'inquinamento atmosferico
5 - scomparsa del metano in atmosfera
6 - strade rurali e villaggi verrebbero coperti da vegetazione
7 - mari e oceani ripopolati dai pesci
8 - acque di fiumi e laghi ripulite da nitrati e fosfati
9 - strade urbane e città ricoperte da vegetazione
10 - collasso di ponti e strutture di metallo
11 - rigenerazione della barriera corallina
12 - comparsa degli edifici
13 - ritorno della CO2 ai livelli pre-industriali
14 - dissoluzione di vetro e plastica
15 - scomparsa dei residui chimici
16 - scomparsa delle scorie nucleari

Scritto tutto? Bene, ecco i "risultati":

1/2 (specie a rischio si salvano/scomparsa in quinamento ascustico) - 24 ore
3 (termine inquinamento luminoso) - 48 ore
4 (diminuizione inquinamento atmosferico) - 3 mesi
5 (scomparsa del metano in atmosfera) - 10 anni
6 (strade rurali e villaggi coperti da vegetazione) - 20 anni
7/8 (mari oceani ripopolati/fiumi laghi ripuliti da nitrati e fosfati) - 50 anni
9 (strade urbane e città ricoperte da vegetazione) - 100 anni
10 (collasso di ponti e strutture di metallo) - 200 anni
11 (rigenerazione della barriera corallina) - 500 anni
12/13 (scomparsa edifici/ritorno della CO2 ai livelli pre-industriali) - 1000 anni
14 (dissoluzione di vetro e plastica) - 50mila anni
15 (scomparsa dei residui chimici) - 200mila anni
16 (scomparsa delle scorie nucleari) - 2milioni di anni

Aggiungo poi che in 100mila anni la presenza umana sarebbe ridotta ad alcuni reperti archeologici e niente più. Ossa gioielli e qualche rovina. Aggiungo anche che rispetto al punto 1, ci sarebbero invece alcune specie a rischio di estinzione che non si salverebbero, perchè vengono tenute in vita dall'uomo stesso (pensiamo al panda!)
Non vi nascondo che alcuni di questi numeri mi fanno un po' rabbrividire... Per certe cose pensavo che Gaia si potesse riprendere molto più in fretta. La Terra ci dimenticherà, ma non tanto facilmente.

  • shares
  • Mail
48 commenti Aggiorna
Ordina: