Dove l'inquinamento costa meno

inquinamento e costi economici"Ho sempre pensato che i Paesi sottopopolati dell'Africa siano largamente sottoinquinati. La qualità dell'aria e' di un livello inutilmente elevato rispetto a Los Angeles o a Città del Messico."
All'inizio degli anni '90 Lawrence Summers (vicepresidente della Banca Mondiale e ministro del tesoro di Clinton) spiegava con queste parole, in una nota interna della Banca Mondiale, le ragioni economiche secondo le quali conveniva inquinare il Sud del Mondo e trasferirvi le industrie inquinanti.

Sto leggendo "Decolonizzare l'immaginario" in cui Roberto Bosio intervista Serge Latouche e mi sono imbattuta in questa nota a pie' di pagina in cui si spiega come mai "Ci si preoccupa molto di più di un fattore che aumenta in modo infinitesimale il rischio di cancro alla prostata in un Paese dove la gente vive abbastanza a lungo per ammalarsene, rispetto ad un altro Paese dove 200 bambini su 1000 muoiono prima dei cinque anni".
La logica e' schiacciante, l'impatto sociale e ambientale dell'ottimizzazione dei costi... anche.

I Paesi ancora abbastanza sottosviluppati da non avere un inquinamento preoccupante possono "permettersi" di sporcare un po', perché partono da una buona situazione ambientale, capace di assorbire parte dell'inquinamento senza arrivare alle soglie passate le quali i rischi per la salute costringono gli inquinatori a contenersi.

Nei Paesi che noi definiamo poveri il costo del lavoro e' minore, quindi anche disinquinare costa meno. Inoltre i danni alla popolazione sono "minori" perché la vita media e' minore. Se un uomo che statisticamente avrebbe potuto vivere a lungo, lavorare a lungo e far guadagnare molto ha un incidente sul lavoro, il sistema perde tanto. Se invece muore qualcuno che avrebbe avuto una minore aspettativa di vita e un minore salario, la perdita economica e' minore.
Questa la logica economica con cui ragionavano alla Banca Mondiale. La cosa e' vecchia, ma mi ha fatto ancora perdere il sonno.

» Il bank memo of Summers, on Whirled Bank

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: