L'Italia rischia una multa da 56 milioni di euro dall'Ue per 255 discariche abusive

Il commissario europeo all'ambiente Janez Potocnik ha chiesto alla Corte di Giustizia europea d'infliggere a Roma, al nostro governo, una colossale multa: 56 milioni di euro e una penale giornaliera dovuta fino a cessazione dell'infrazione di quasi 257.000 Euro dalla sentenza che sarà poi pronunciata dalla della Corte e fino alla regolarizzazione. L'Europa nel 2007 ha ingiunto in Italia di rispettare le norme comunitarie in merito alla gestione dei rifiuti ospitando ancora 255 discariche illegali di cui 16 con rifiuti tossici.

Le regioni più compromesse in Italia sono: la Campania con 51 discariche, la Calabria con 43, l'Abruzzo con 37, il Lazio con 32 e la Sicilia con 24.

La Commissione europea ha così perso la pazienza sulla presenza delle discariche illegali che ancora continuano a avvelenare l'Italia da nord a sud e così Bruxelles ha chiesto di rinviare il nostro Paese alla Corte europea di Giustizia per il non rispetto delle regole europee che riguardano la gestione dei rifiuti.


Attualmente in Italia ci sono 255 discariche illegali di cui 16 stracolme di rifiuti tossici. Malgrado gli impegni presi dal governo nel 2007 a oggi solo 31 discariche hanno visto un programma per la loro bonifica da qui alla fine del 2012. Un calendario per la realizzazione di altre bonifiche è stato fornito solo per 132 delle 255 discariche. E Bruxelles è insorta non avendo poi più ricevuto alcuna informazione che provi che l'Italia abbia messo in piedi un sistema di sorveglianza adeguato per impedire la nascita di nuove discariche illegali.

Il nostro Paese tra i 27 Stati membri risulta al 20esimo posto nella gestione dei rifiuti e tra i fallimenti rendicontati dall?Unione europea risultano l'assenza o l'inadeguatezza delle misure di prevenzione dei rifiuti, la mancanza di incentivi per la prevenzione dei rifiuti in discarica e, di conseguenza, la sottoutilizzazione delle le opzioni per il riciclo e il riutilizzo e le infrastrutture inadeguate alla loro gestione. Secondo le stime europee l'Italia conferisce in discarica il 51% dei rifiuti cittadini contro il 38% di media dell'Unione europea e ricicla appena il 21% dei rifiuti contro il 25% in media dei restanti Stati Ue.

Via | Le Monde, Corte dei Conti
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail