Bocciato il parco eolico di Scansano

Stop del tar al parco eolico di GrossetoEra stato inaugurato da poco più di una settimana e già si parla di smantellare il parco eolico più grande della Toscana: quello di Scansano.
Il Tar ha accolto il ricorso di un privato che si era opposto alla costruzione del parco eolico. Legambiente era favorevole al parco, Italia Nostra contraria e ha sostenuto Iacopo Biondi, l’imprenditore vitivinicolo che ha fatto causa contro i ventoloni di Endesa (poi diventati di Gamesa).

Il tribunale ha motivato la sentenza con la conservazione della fauna: nell’area circostante il parco ci sono tre siti di importanza comunitaria da considerare “aree critiche per aspetti naturalistici”. La Regione Toscana e la conferenza dei servizi (che e' il tavolo che riunisce tutti i portatori di interesse ad una opera ancora da costruire, in cui si valutano pro, contro e mitigazioni possibili) non avevano ritenuto necessario procedere ad una valutazione di impatto ambientale, limitandosi a chiedere delle prescrizioni (cose da fare per il corretto inserimento dell'opera nell'ambiente).

Piero Baronti, presidente di Legambiente Toscana, ha espresso le sue perplessità sulla bocciatura: ''(dicono che) Le pale dell'eolico possano avere impatti negativi con la fauna selvatica. Dati nazionali e internazionali ci dicono che l'impatto e' sempre inferiore all'1%. A Scansano, prima del parco eolico c'era la caccia; per effetto dell'istruzione del parco e' stata istituita una zona di rispetto venatorio: e' paradossale che oggi il Tar venga a dirci che le pale hanno impatti negativi.

Carlo Ripa di Meana, presidente di Italia Nostra, plaude alla notizia: "'La vicenda di Scansano e' emblematica di altre meno conosciute, perché in un paese come l'Italia, ricco di storia e monumenti, non si può fare l' eolico industriale impiantando macchine gigantesche, se non forzando costantemente le norme di tutela paesaggistica e ambientale''.

La sentenza del Tar annulla l’atto con cui il dirigente del settore Ambiente della Provincia di Grosseto ha approvato il progetto per la costruzione dell’impianto e il decreto con cui la Giunta regionale ha escluso la procedura di Via. Endesa ha annunciato che farà ricorso e lo farà anche la provincia di Grosseto che, in una nota, spiega "pare che la motivazione della sentenza del Tar si basi sul mancato rispetto di un parametro di 'altezza complessiva' degli aerogeneratori, che in realtà non e' contenuto nelle Norme tecniche di attuazione (Nta) della Variante al Prg di Scansano".

» Luogo sbagliato, iter dubbio Il Tar boccia il parco eolico su Il Tirreno
» Scansano: Legambiente leggerezza mancata VIA su ANSA

  • shares
  • Mail
22 commenti Aggiorna
Ordina: