Le carote rifiutate erano del principe Carlo

Il principe Carlo del Galles non vende più carote. Foto Color LineCirca metà delle carote prodotte (biologicamente) dalla fattoria del principe Carlo sono state rifiutate dal supermercato che avrebbe dovuto comprarle (Sainsburys) perché rovinate esteticamente.
Alla fine di gennaio di quest'anno Sua Altezza e' stato eliminato dalla lista dei fornitori di carote.

Le carote del principe erano in ottime condizioni, quando hanno lasciato la fattoria. La colpa del deterioramento e' stata accollata alla filiera. Le carote soffrono dei danni durante il trasporto, il vaglio, la pulizia e l'impacchettamento troppo meccanizzati.

Patrick Holden, presidente della Soil Association che promuove l'agricoltura biologica nel Regno Unito e produttore di carote rifiutate da Sainsburys, ha messo sotto accusa tutto il sistema di distribuzione alimentare di cui si servono i supermercati: "il sistema e' talmente industrializzato e meccanizzato da impedire ai clienti di ricevere il cibo biologico che richiedono".

Sainsbury, da parte sua, si difende dicendo di dover garantire la qualità finale ai propri clienti e di trovarsi in difficoltà a trattare direttamente con una moltitudine di piccoli produttori. Le parti cercheranno di trovare un accordo.

Via | 100 Miles Diet

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: