Terremoto Pollino, appello del sindaco di Mormanno: "Il paese rischia di chiudere"

Il presidente del Parco del Pollino Mimmo Pappaterra ha chiesto nei giorni scorsi al Governo la proclamazione dello stato di emergenza per i Comuni colpiti dal terremoto del 26 ottobre scorso. Ai danni della scossa di magnitudo 5, culmine di uno sciame sismico che si protraeva da ben due anni nell'area, si somma infatti la preoccupazione per il maltempo che rende difficili gli interventi di messa in sicurezza e causa ancora più disagi agli sfollati. Senza contare lo spettro delle frane, sempre in agguato in quei Comuni e su quasi tutto il territorio calabrese, regione ad alto rischio idrogeologico.

Tra i Comuni che hanno subito più danni c'è Mormanno. Come potete vedere nel filmato in homepage, crepe e crolli interessano numerose abitazioni. Le case dichiarate completamente inagibili nel centro storico del paese sono circa trenta, stando alle prime stime.

Pericolanti ed a rischio anche le tante chiese: non si può entrare in otto su dieci degli edifici religiosi. La cattedrale, patrimonio storico del Comune, ha subito danni ingenti. Parte del tetto ed il campanile sono infatti stati compromessi dal sisma. Ma la preoccupazione maggiore ovviamente è per la situazione precaria dell'ospedale di Mormanno. Sono in corso accertamenti che richiederanno molto tempo e nel frattempo la popolazione è priva di una struttura di soccorso che era cruciale nell'area.

Le auto, inoltre, circolano a rilento e soltanto in alcune strade: molti infatti i tratti chiusi perché a rischio crolli o perché dissestati. Gli edifici storici sono circondati da transenne ed il paese rischia di diventare completamente inagibile, anche perché il maltempo rende difficili i sopralluoghi dei tecnici della Protezione Civile e degli ingegneri per accertare i danni. Il sindaco Guglielmo Armentano ha dichiarato:

Stiamo valutando, con gli altri sindaci della zona, un'azione forte. Non possiamo essere abbandonati. Il paese rischia di chiudere. Da soli non ce la facciamo.

  • shares
  • Mail