Gioielli bio per ragazze col pollice verde

Ditelo con i fiori: anello con le spine

Sopra l'anello c'è un vaso. Nel vaso una pianta viva. Non un diamante (una pietra, fredda e immutabile), ma un essere vivente che cresce, fiorisce, fruttifica e si riproduce. Come potrebbe fare l'amore.

Ottimo come anello di fidanzamento se volete corteggiare o chiedere la mano di una neo-green: una di quelle ragazze eco-fondamentaliste, sensibili e coerenti, che non gradiscono ricevere fiori recisi (Come posso essere contenta di ricevere delle piante agonizzanti? Vorresti che io godessi della loro morte, protratta per giorni? Solo perché non gemono emettendo suoni udibili non significa che non stiano soffrendo!)

Nella collezione di gioielli viventi o derivati da materiale vivente (fiori, foglie, ghiande...) di Sarah Hood ci sono collane, orecchini, braccialetti... che si adatterebbero bene ad una regina delle fate. Per acquistarli serve anche trovare la pentola d'oro alla fine dell'arcobaleno: la collana di ghiande costa 980 dollari, l'anello con piantina, 800. (L'anello con piantina e' facilissimo da imitare con poca spesa, per le collane e gli orecchini ci vuole una lacca che indurisca le foglie, altrimenti si sbriciolano).

Non ho idea di quanto sia comodo portare al dito un anello del genere. Immagino sia necessaria un minimo di attenzione per non perdere terra o acqua e un minimo di attenzione per non rovesciare la pianta (che non credo gradisca essere sballottata). Forse per questo vendono l'anello con un espositore di legno dove lasciarlo fermo e in bella vista.

Via | Inhabitat

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: