Chiesa filippina contro le trivelle petrolifere

arivescovo filippino si oppone allo sfruttamento petrolifero
L’arcidiocesi di Bohol sta cercando di fermare le prospezioni geologiche che, secondo le parole di mons. Leonardo Medroso, potrebbero portare allo sfruttamento petrolifero di un'area protetta marina.

Medroso, che e' arcivescovo di Bohol, sa che le necessita dei suoi fedeli non sono solo spirituali e si chiede, pubblicando un post nel suo blog: “Il mare dello stretto di Bohol continuerà a essere un’oasi di vita per le generazioni presenti e quelle future, o si trasformerà in un insieme di acque fangose prive di vita, orribile promemoria della nostra indifferenza e irresponsabilità?”.

La compagnia australiana NorAsian Energy Ltd ha avuto il permesso sia del Dipartimento per l’energia, sia di quello dell’Ambiente e delle risorse naturali.
La gente del posto si lamenta di non essere stata consultata preventivamente e la prospezione sta rovinando il turismo perché non ci si può immergere a guardare i pesci tra le 11 e le 13:30, orario di test sismici.
I pescatori si lamentano della scarsità di pesci, spaventati dal brillare delle mine.
L'area protetta marina e' stata declassificata per permettere le esplosioni subacquee.

Via | AsiaNews

» Protests against the seismic survey in the website of the vice-governor
» Pastoral Statement on Oil Exploration in Bohol Strait on the blog of Leonardo Medroso

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: