Cambiamenti climatici minacciano le piante di bamboo, panda giganti a rischio

I panda cinesi hanno bisogno delle piante di bamboo per sopravvivere. Purtroppo la cena della specie è a rischio a causa dei cambiamenti climatici e i panda faranno sempre più fatica a trovare le risorse naturali necessarie al loro sostentamento. Oggi la sopravvivenza dei panda è già messa in serio pericolo dalla perdita di habitat causata dalla deforestazione.

Stando a quanto riportato in un recente studio apparso sulla rivista Nature Climate Change, persino nello scenario più ottimistico le aree della Cina Nord-occidentale, habitat privilegiato del panda, potrebbero diventare inospitali per la specie.

Gli scienziati della Michigan State University, in collaborazione con i colleghi della Chinese Academy of Sciences, hanno previsto gli effetti del cambiamento climatico sulla vegetazione nell'habitat del panda, concentrandosi sull'impatto del riscaldamento globale sulle specie più comuni di bamboo presenti sulle montagne Qinling, nella provincia dello Shaanxi. In quest'area vivono circa 275 panda selvatici, pari a circa il 17 per cento della popolazione che ancora sopravvive allo stato brado. Il bambù ha un ciclo riproduttivo insolito. Le specie studiate infatti fioriscono e si riproducono ogni 30-35 anni, fattore che limita la capacità delle piante di adattarsi ai cambiamenti climatici e può portare al collasso della specie.

Il bambù è cruciale non soltanto per i panda ma anche come rifugio e fonte di cibo per altre specie selvatiche, tra cui alcune specie a rischio estinzione come la testuggine dal vomere. Il destino dei panda, sottolineano i ricercatori, non è soltanto in mano alla natura: molto dipenderà anche dall'uomo. Venendo a mancare il cibo, i panda, che vivono in quelle aree isolati dal resto del mondo, per sopravvivere dovrebbero avere facile accesso ad altre fonti di sostentamento. Cosa attualmente impossibile perché lo sviluppo umano impedisce ai panda di accedere a territori più ospitali.

Foto | © Getty Images; Courtesy of MSU

  • shares
  • Mail