Olimpiadi posticipate per smog, ma non per pioggia

L'inquinamento a Pechino potrebbe ritardare le gare. foto adporterSe le condizioni dell'inquinamento a Pechino saranno gravi, sarà presa in seria considerazione l'ipotesi di posticipare alcune gare di lunga durata, come il ciclismo. Alcune calciatrici canadesi hanno accusato dolori al petto, giocando a Pechino, dove pare che ci sia il 10% in meno di ossigeno nell'aria.

Il comitato organizzatore dei Giochi Olimpici di Pechino 2008 (International Olympic Committee) ha espresso preoccupazione per l'inquinamento che, insieme ad altri tassi di umidità, potrebbe compromettere lo svolgimento delle gare.
Per limitare la quantità di polveri in atmosfera si stanno provando misure di contenimento estreme, come togliere un milione di auto dal traffico di Pechino (ce ne sono 3 milioni), chiudere le fabbriche e sospendere i lavori nei cantieri. E' stato anche vietato di bruciare le stoppie dopo il raccolto, per limitare la quantità di fumi nell'aria.

Dal punto di vista meteorologico il Beijing Meteorological Bureau ha anche affermato di poter "impedire la formazione di nubi e la conseguente pioggia". In pratica si tratta di inseminare le nubi con nuclei di condensazione che le farebbero scaricare prima dei giorni in cui e' richiesto il sole.

A Pechino si spera di avere l'80% degli autobus e il 70% dei taxi alimentati con energia verde in circolazione a Pechino al momento delle Olimpiadi. La polizia farà ispezioni negli alberghi per impedire che l'aria condizionata sia programmata per scendere sotto i 26 gradi, lo scopo del risparmio energetico e' di ridurre la domanda di energia, prodotta principalmente dalle centrali a carbone. Si spera che le misure siano sufficienti a migliorare la qualità dell'aria.

Via | Olympic.org

» Olimpiadi 2008, Pechino dichiara guerra all'inquinamento su La Stampa
» Can China stage 'green' Games? on Yomiuri

  • shares
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina: