Giornata della Dieta Mediterranea, presentato un ddl per un marchio esclusivo

Oggi 16 novembre potrebbe diventare ufficialmente la giornata nazionale dedicata alla Dieta Mediterranea, la nostra gloria che ha ottenuto proprio due anni fa il riconoscimento dall'UNESCO di patrimonio culturale immateriale dell'umanità. La proposta è contenuta nel il Ddl presentato dal Senatore Andria (Pd) Vice Presidente della Commissione Agricoltura del Senato assieme al progetto di un marchio ad hoc, di proprietà esclusiva del ministero delle Politiche agricole.

La Dieta mediterranea non è solo perfetta per la salute ma anche per l'ambiente rispettando la biodiverdisità con la stagionalità e la località dei prodotti di cui si compone: olio extravergine d'oliva, legumi, cereali, frutta e verdure di stagione, poco pesce azzurro e infine pochissima carne. E' dunque più uno stile di vita che non un'insieme di alimenti.

Peraltro questa giornata della Dieta Mediterranea sarebbe anche dedicata a Angelo Vassallo il sindaco pescatore, ucciso a Pollica perché impegnato nella difesa del suo territorio dagli abusi della camorra.

Il ddl Disposizioni per la valorizzazione e la promozione della dieta mediterranea è un progetto del senatore Alfonso Andria (Pd)che ha chiesto di fatto 1 milione di euro per disporre di strumenti idonei alla sua diffusione. Diciamo chiaramente che Dieta Mediterranea non è pizza, spaghetti e lasagne ma sopratutto legumi, verdura, ortaggi e frutta.

Il messaggio secondo Andria deve partire dalle scuole:

tramite le quali si può diffondere la cultura della dieta mediterranea raggiungendo le famiglie, predisponendo attività formative di educazione alimentare.

Altri punti del ddl sono la creazione di un Comitato a costo zero e presieduto dal ministro per le Politiche agricole che si impegnerà a definire l'agenda delle attività di tutela e il marchio che sarà assegnato a particolari prodotti selezionati.

Via | Paolo De Castro, Sportello consumatori
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail