Supercelle fotovoltaiche - sfondato il muro 60% di efficienza

nano silicio

60% di efficenza. Sembra fantascienza, ma non lo è. Questo sorprendente risultato è stato ottenuto da un istituto di ricerca National Renewable Energy Laboratory che ha sfruttato una nuova composizione a base di nanoparticelle di silicio per raggiungere una produzione multipla di elettroni per ogni fotone da cui viene stimolata (nei modelli attuali infatti il rapporto di produzione/irraggiamente è sempre stato 1:1). Un tale risultato non è cmq una novità. Infatti già con altri materiali si erano raggiunte tali soglie di efficienza, unico problema si trattava di materiali altamente tossici.

Grazie agli studi appena proposti sembra infatti che si possa ottenere lo stesso effetto usando il sempreverde silicio (c'è chi lo dava già per spacciato come materiale). Ma le sorprese non finiscono qui: sembra infatti che la produzione di questi layer di nanoparticelle sia relativamente semplice (ergo economica) al contrario di altre procedure già collaudate (come la "multijunction" di celle fotovoltaiche) molto costose e addirittura meno efficenti.

Il prossimo passo nello sviluppo di questa tecnologia consiste nel riuscire a estrarre tale energia dalla complicata struttura di nanoparticelle di silicio. Un problema a quanto pare non banale, ma che si spera nel giro di qualche anno di riuscire a risolvere.

via Ecogeek

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: