Certificati bianchi e risparmio energetico

risparmiate 900mila tonnellate equivalenti di petrolio. foto XcBiker Verlok ci segnala che, grazie ai certificati bianchi, nel biennio 2005-2006 si sono risparmiate 900 Ktep (migliaia di tonnellate equivalenti di petrolio). In un biennio, l'Italia consuma 400 Mtep (Milioni di tonnellate equivalenti di petrolio), possiamo quindi quantificare il risparmio come il 2% circa del totale. Pare sia il doppio del risparmio previsto.

Prima di gioire, vi ricordo che il risparmio dei titoli di efficienza energetica equivale a 2,5 milioni di tonnellate di CO2. Ne abbiamo mandati in fumo più di 4, con i roghi di questa estate, quindi siamo ancora in "rosso".

I risparmi energetici sono stati ottenuti principalmente nel settore domestico (55% circa) o nel riscaldamento dell'edilizia civile e terziaria (16% circa). Il settore pubblico ha aggiunto un 12%, i produttori e distributori di energia un 11% e infine l'industria un (piccolo) 6%.

L'Autorità per l'energia dice che: "900.000 tonnellate equivalenti di petrolio (tep) rappresentano quasi il doppio rispetto all’obiettivo obbligatorio di 468.000 tep assegnato ai distributori per il biennio 2005-2006."
Se la matematica non mi inganna, i distributori hanno fallito l'obbiettivo: hanno raggiunto solo l'11 % di 900.000 tonnellate, ovvero 99.000 tonnellate invece delle 468.000 assegnate. A "sforzarsi di salvare il mondo" sono stati i privati e le ESCO, che si sono prese il 75% dei contributi.

Via | La Scossa

» Energia: risparmiate 900 mila tonnellate equivalenti di petrolio con i ‘certificati bianchi’.

  • shares
  • Mail