Fagioli migliori ma non transgenici

fagioliChi ha detto che per migliorare la qualità dei vegetali si debba per forza ricorrere all'ingegneria genetica?

Percorrendo tecniche "antiche" ma assolutamente attuali, i ricercatori dell’Istituto di biologia e biotecnologia agraria del Cnr di Milano con i colleghi del Consiglio per la ricerca in agricoltura e dell’Università di Pavia ha prodotto legumi che assicurano una migliore assimilazione di micronutrienti, senza ricorrere a tecniche transgeniche

Riabilitati dalla dieta mediterranea, che ha riportato l’attenzione su questi antichi ortaggi che sono alla base dell’alimentazione di molte popolazioni, i legumi devono la loro importanza al fatto di essere una ricca fonte di proteine a basso costo anche se contengono acido fitico, del quale avevamo parlato tempo fa.

Questo composto ha effetti antinutrizionali nell’uomo e degli animali monogastrici poiché riduce l’assorbimento di minerali come ferro, zinco, calcio, magnesio e rame, con cui forma sali (fitati) che non vengono assorbiti a livello intestinale e sono per lo più escreti, causando carenze alimentari anche gravi.

La presenza di acido fitico rappresenta quindi un serio problema per l’alimentazione, in particolare nel fagiolo, la leguminosa più coltivata nel mondo per il consumo umano, e per le popolazioni dell’America centro‑meridionale, che presentano carenze nutrizionali di microelementi.

Per ridurre il contenuto di acido fitico e raffinosaccaridi sono stati trattati oltre 6000 semi e questi hanno generato 1774 piante fertili. L’analisi dei semi di queste piante ha permesso di individuare otto piante con ridotto contenuto di acido fitico e di raffinosaccaridi nei semi. Uno di questi semi ha generato una pianta i cui i semi erano tutti a ridotto contenuto dei due composti. Sarà ora possibile ipotizzare un programma di miglioramento genetico classico mediante incroci e selezione, e trasferire questo carattere su varietà coltivate.

Altre informazioni su Biol.unlp.edu.ar

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: