Le espiazioni ecologiche del Vaticano

Statue a San Pietro Nel post “Il Papa torna a parlare di ambiente” mi chiedevo se alle parole ecologiste di Papa Benedetto XVI non sarebbero state meglio delle azioni concrete. E visto che a chi chiede sarà dato, chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto per avere risposte più precise sulla via verde intrapresa dal Vaticano vi rimando a un articolo apparso su La Repubblica di ieri 5 settembre. Qui si parla anche della foresta nell’Europa dell’Est a cui si riferiva il commento di un lettore al post.

Non solo i pannelli solari installati sul tetto di sale e aule della Santa Sede, quindi. In particolare, il progetto di cui racconta La Repubblica è quello della impiantazione di un bosco di 15 ettari in Ungheria per compensare le emissioni di anidride carbonica prodotte dallo Stato. Si chiamerà la Vatican Climate Forest. E sul problema inquinamento elettromagnetico il quotidiano riporta una intervista al cardinale Sergio Sebastiani sul caso Radio Vaticana definito “un altro problema, per di più falso”.

Qui l’articolo su Legambiente

  • shares
  • Mail
55 commenti Aggiorna
Ordina: