Immaginando il 16 febbraio 2057

Pianeta TerraQuando saranno 50 le candeline del Protocollo di Kyoto quale sarà lo stato di salute del nostro pianeta? Siamo veramente ad un punto senza ritorno? Oppure se ci impegnassimo tutti, ma proprio tutti, potremo evitare il collasso della Terra? Volendo fantasticare un po’ vi propongo un salto nel futuro leggendo queste due versioni de “La nuova Repubblica”, trovato sul sito dei Verdi. La prima è da bicchiere mezzo pieno, la seconda da mezzo vuoto.

La versione “positiva” parla della “fine della schiavitù dai carburanti fossili”, di un accordo stipulato 30 prima che ha posto fine alla desertificazione e della conseguente rinascita dei boschi, di un Sanremo pomeridiano senza sprechi di energia e della invasione delle foche monache.

La versione “negativa” invece fa venire i brividi. “Italia sott’acqua”. Questo il titolo di apertura accompagnato da una foto inquietante con una torre di Pisa quasi tutta sommersa. Ma questa è solo la prima notizia di tanti disastri ambientali della natura che si ribella: c’è l’invasione delle meduse sulle “nuove spiagge della costa bergamasca”; c’è il tifone Elisa per l’Italia e il Mediterraneo; c’è l’inondazione di Venezia; e fine c’è il Festival di Sanremo a 1200 metri perché l’omonima città è ormai sommersa.

Via | Verdi

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: