Nokia sul podio dell’Ecoguida di Greenpeace

Analisi di Greenpeace su un portatile

Torna la classifica di Greenpeace delle aziende di elettronica più rispettose dell’ambiente e della salute umana. Al primo posto troviamo la Nokia, seguita dalla Sony Ericsson, dalla Dell e dalla Lenovo. Sono queste le quattro aziende che nelle ultime versioni dell’Ecoguida hanno sempre occupato i primi posti. In generale, i criteri di valutazione riguardano l’impegno di rimuovere gli agenti chimici tossici dai prodotti e l’attuazione di un programma di ritiro e riciclaggio.

La Nokia dalla seconda posizione del marzo 2007 permane sul podio dallo scorso giugno. L’azienda è stata premiata per aver eliminato il PVC dai nuovi modelli di telefonini e attualmente sta rimuovendo anche i ritardanti di fiamma bromurati.
Da qualche anno l’associazione porta avanti la campagna Green My Apple, ovvero la richiesta di un Apple più verde che metta finalmente al bando tutte le sostanze nocive da pc, Ipod, ecc. Anche se rispetto all’ultimo aggiornamento di giugno l’azienda ha perso due punti, passando dal decimo posto al dodicesimo, Greenpeace si dimostra positiva a riguardo: "L'ultimo impegno di Steve Jobs di eliminare le sostanze tossiche – ha detto Vittoria Polidori, responsabile campagna Inquinamento - ha fatto salire Apple in classifica (ndr: a marzo 2007 era al 14mo posto) . Ora, con l'iPhone, l'Azienda affronta una nuova sfida: venire incontro alle aspettative dei clienti, diventando leader anche nelle politiche ambientali. E' questo ciò che i fan della Apple desiderano."

Passando ai cattivi della classe, in fondo alla lista (14mo posto) troviamo la Panasonic. Sebbene sia una azienda virtuosa per quanto riguarda l’eliminazione di sostanze nocive dai suoi prodotti, ha dimostrato performance pessime per i programmi di ritiro e riciclaggio dei rifiuti. Il penultimo posto è invece occupato dalla Hewlett Packard sia a causa di carenze sul fronte dei programmi di ritiro sia per non aver comunicato tempi certi per l'eliminazione di sostanze chimiche pericolose.

Foto: Greenpeace

Via | Ecoguida settembre 2007

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: