Mangia locale e dimezzi le emissioni

kiwi dalla Nuova Zelanda: 24,7 Kg di CO2. foto frischmilchColdiretti e' una associazione di categoria che spinge sul consumo di prodotti italiani per portare un beneficio diretto agli agricoltori italiani. Facendo questo genere di pubblicità, genera un benefico effetto collaterale che e' quello di ridurre l'impatto dei trasporti del cibo, ovvero l'impronta ecologica dei consumatori.

Nel comunicato dell'associazione ci sono tre buoni esempi di calcolo dell'impatto del trasporto di prodotti alimentari: "per trasportare con l'aereo a Roma un chilo di mele dal Cile per una distanza di 13mila km si liberano 18,3 kg di CO2 e si consumano 5,8 chili di petrolio, mentre per un kg di kiwi dalla Nuova Zelanda nel viaggio di 18mila chilometri si emettono 24,7 kg di CO2 e si perdono 7,9 chili di petrolio e, infine, per gli arrivi di ogni kg di limoni dall'Argentina si producono 16,2 kg di CO2 e si consumano 5,4 chili di petrolio."

Oltre al cibo a Km zero, Coldiretti continua a chiedere l'istituzione di mercati diretti, con accorciamento della filiera e possibilità per i consumatori di accesso a cibi freschi a prezzi di produzione.

Via | Coldiretti

  • shares
  • Mail
16 commenti Aggiorna
Ordina: