Anche gli abissi soffrono per i cambiamenti climatici

collegamento tra la vita nei fondali oceanici e le fioriture algali. foto mklingoLe specie che vivono suoi fondali marini non ricevono luce del sole. Sui fondali oceanici la temperatura è molto bassa, mentre la pressione è più alta che in superficie. Gli animali sopravvivono grazie all'idrogeno solforato di sorgenti abissali utilizzato da batteri ipertermofili, primo anello della catena alimentare degli ambienti di profondità. Per lungo tempo gli scienziati hanno creduto che non ci fossero relazioni con tutto ciò che accade in superficie.

Jon Copley dell'università di Southampton ha smentito questa credenza attraverso uno studio fatto su dei gamberetti che vivono in prossimità delle sorgenti di aria calda abissali e hanno un ciclo biologico stagionale.
Questi piccoli crostacei iniziano la loro vita come larve che si nutrono di frammenti vegetali, provenienti della fioritura di piante acquatiche che avviene in superficie. Di conseguenza i gamberetti devono adattare la loro covata per far coincidere la schiusa delle larve con la fioritura delle piante che avviene secondo i cicli stagionali della superficie, altrimenti non possono garantire la continuità della loro specie.

Se succede qualcosa alle alghe, in superficie, ne risentono anche i gamberetti, nelle profondità oceaniche.
Questo studio quindi dimostra che nessun angolo della Terra è al riparo da eventi climatici in mutazione e dovrebbe far ancor di più capire che qualsiasi azione umana che porta ad un inquinamento atmosferico e/o acquatico di anche poco conto, per noi, è un danno molto grande per la natura e i suoi abitanti.

Via | Modus Vivendi Blog

[Francesca Pratali]

» Climate change will harm life on the deep ocean floor, study finds on The Indipendent
» Forum : Secret life of the shrimp - What goes on in the depths when our backs are turned, asks Jon Copley

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: