L'Australia del carbone punta alle rinnovabili

L'Australia è la nazione carbon dipendente per eccellenza, quella che ha i valori di emissioni pro-capite più alti del pianeta, che ricorre ai combustibili fossili per produrre i due terzi dell'energia che consuma: di contro è anche il luogo meglio esposto alle radiazioni solari e dotato di ottime risorse eoliche.

Fattori questi che stanno spingendo la terra dei canguri a puntare molto sulle energie rinnovabili: secondo un rapporto pubblicato recentemente dalla Australia’s Climate Commission, recante il titolo The Critical Decade: Generating A Renewable Australia, il boom che si registra oggi in Australia nel mercato delle rinnovabili è destinato a crescere esponenzialmente e potrebbe portare, nel medio periodo, ad un mix energetico completamente carbon-free.

La "decade critica" descritta nel rapporto è quella che stiamo vivendo: critica perchè conterrà in sè, nei prossimi anni, profondi cambiamenti all'interno del mercato energetico australiano; oggi solo il 10% dell'energia consumata sulla grande isola è prodotta da fonti rinnovabili (l'idroelettrico arriva da solo al 7%).

Nonostante ciò le rinnovabili sono fortemente cresciute nell'ultima decade, in particolar modo negli ultimi tre/quattro anni, partendo da uno 0,4% del totale ed arrivando oggi ad un ben più onorevole 3,5% circa.

L'eolico, settore in forte crescita e seconda fonte rinnovabile subito dopo l'idroelettrico, è cresciuto di ben il 40% l'anno per ben quattro anni consecutivi: la South Australia, stato in cui il settore è cresciuto di più, produce il 26% del proprio fabbisogno energetico dall'eolico (circa 1,1GW) e può puntare ancora più in alto essendo la zona del pianeta con le più abbondanti risorse eoliche.

Anche il sole va piuttosto forte: il settore fotovoltaico, con 837MW di nuove installazioni solo nel 2011, è il secondo settore rinnovabile più in crescita, ma va sostanzialmente a pari merito con l'eolico (il tasso di crescita è pressocchè simile, attorno al 40% l'anno): nel giugno scorso il fotovoltaico ha superato i 2GW installati (750mila impianti).

Sul fotovoltaico gli australiani prediligono i piccoli impianti domestici: il Queensland (lo stato a nord-est dell'Australia) detiene in tal senso il primato dell'isola, ma il governo australiano sta puntando sempre più sul solare.

Grandi parchi solari sono infatti in fase di ralizzazione, primo tra tutti il Greenough River nel Western Australia, ma anche una centale da 100 MW che sorgerà a Nyngan nel New South Wales e che darà elettricità per circa 33mila abitazioni.

Secondo Australia’s Climate Commission i principali fattori che porteranno necessariamente nella direzione fotovoltaica sono due: l'esposizione ideale alle radiazioni solari, privilegio di cui gode l'isola che è il paese con più radiazioni solari per metro quadro, e il crollo del prezzo dei moduli fotovoltaici (fino al 75% negli ultimi anni).

Via | Australia’s Climate Commission

  • shares
  • Mail