Seguici su

Inquinamento

A Taranto contro l’Ilva: “Ora ci vogliono deportare dal quartiere Tamburi?”

Il ministro Clini propone l’avacuazione di una parte del quartiere Tamburi a Taranto e insorgono i comitati cittadini definendo la proposta una deportazione di massa.

Dopo la proposta del ministro all’Ambiente Corrado Clini di evacuare una parte del quartiere Tamburi a Taranto, con il benestare della gente (sia chiaro, dice) insorgono i comitati e i cittadini della città dei due mari.

Commenta così Rosella Balestra del Comitato donne per Taranto:

Il Quartiere Tamburi esisteva fin dagli anni ’20. Nessun abitante deve essere deportato, come afferma Clini d’accordo con il Sindaco! Ad Andar via deve essere la fabbrica che si è insidiata “dentro” le case, la fabbrica che genera “malattia e morte”…Noi non lasciamo campo libero a chi ci sta uccidendo!

Tutti d’accordo a Taranto sul fatto che la proposta del ministro Clini includa una implicita ammissione al fatto che l’Ilva qinquini. Infatti scrive Fabio Matacchiera del Fondo Antidiossina Taranto Onlus:

Con queste nuove dichiarazioni il ministro smentirebbe se stesso, soprattutto allorquando avrebbe “alleggerito”, in più occasioni, le eventuali responsabilità degli “inquinatori” e gli effetti delle loro stesse azioni. Tuttavia, l’ipotesi di trasferire altrove le famiglie, incominciando da quelle più vicine alle aree industriali e a quelle inquinate, deve essere presa in seria considerazione, contestualmente al fatto che tutti gli impianti, che hanno causato questo disastro ambientale e sanitario, debbano essere immediatamente fermati e che i responsabili risarciscano i danni arrecati alla popolazione.

Ribadiscono le donne del Comitato:

Leggiamo tra le righe delle sue dichiarazioni un’ammissione di insufficienza delle misure contenute nel piano di risanamento che dovrebbero rendere gli obsoleti impianti del siderurgico compatibili con l’ambiente e la vita, cosa che noi denunciamo da anni, non essere possibile a causa della vicinanza degli stessi alla città.

A questo punto con il governo dimissionario resta tutto in sospeso, inclusa anche la stessa approvazione del decreto salva Ilva che rischia, nonostante vi siano i tempi, di non essere votato alla Camera.

Foto | Daniel E Sante su Facebook

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa