Alberi di Natale: a Parma e Palermo sono ecosostenibili...con qualche intoppo

Come al solito, sotto Natale si assiste ai soliti dibattiti: pandoro o panettone? Albero o presepe? Babbo Natale o Gesù Bambino? Pesce o carne? Ma sopratutto: albero vero o albero finto?

L'ultimo quesito, che vede realtà come Roma propendere per l'albero vero ed altre Parma per quello "finto", o meglio "alternativo", è al centro di curiosità buffe in perfetto stile: Dio c'è ed ha un gran senso dell'umorismo.

Sulla sostenibilità dell'albero di Natale c'è anche la "versione siciliana": il sindaco di Palermo Leoluca Orlando infatti non ha rinunciato ad un vero abete, alto più di 20m e proveniente dalle Alpi Carniche, ma ha reso sostenibili le luminarie.

Acceso a Piazza Castelnuovo ed avente come sfondo il magnifico Teatro Politeama di Palermo, l'illuminazione sarà generata da un sistema di led collegato ad una dinamo e a dieci biciclette:

Questo Natale è dedicato a coloro che ogni giorno pedalano, che cercano di pedalare per mandare avanti questa città in un momento gioioso come il Natale e in tutti i giorni dell'anno davanti alle tante difficoltà, con tante speranze e progetti di cambiamento in una città in cammino che si illumina e va avanti grazie alle pedalate di tutti noi

ha detto il sindaco Orlando.

Una soluzione simile anche a Parma, la capitale grillina d'Italia (almeno fino a febbraio), con il quid in più di essere anche l'albero in sè ecosostenibile: il sindaco Federico Pizzarotti ha infatti optato per un albero in polistirolo riciclato e legno certificato Fsc, rifinito con scarti di lavorazione del legno e vernici naturali, illuminato con led innovativi ad alta efficienza energetica ed alimentato da energia pulita: pannelli solari e 3 postazioni di bici per bambini e 2 per adulti tramite le quali, pedalando, si potrà fornire energia alle luminarie.

Peccato che "il giocattolo" si sia subito rotto, come è possibile vedere in questo video pubblicato da Repubblica.it, fatto comico che però diventa esilarante (se restiamo sul faceto) se consideriamo anche la notizia che da dopo l'Epifania finirà anche la luna di miele del sindaco parmigiano, dopo l'ok all'inceneritore Iren della scorsa settimana.

Ci tengo a precisare che la scelta è ricaduta su quest'albero per l'alto valore simbolico. Non taglieremo alberi, attenzione sulle energie rinnovabili e sulla partecipazione. Pedalate insieme a noi. Ps. Per i maligni: l'albero vero non sarebbe stato gratis. Il dono era dell'albero. Il trasporto, montaggio e addobbo sarebbero costati una cifra paragonabile al costo sostenuto per l'albero di quest'anno. Con molto meno valore simbolico

Questo il messaggio di Federico Pizzarotti sul suo Facebook; per essere più chiari, il costo dell'albero, 10mila euro, è stato anche parzialmente coperto dal Parma Calcio (3mila euro) e dalla neonata Zebre Rugby (2mila euro), ed è stato fornito dall'Officina Idee Verdi di Milano.

Via | laRepubblica Parma

  • shares
  • Mail