A Bibbiano la prima scuola ecocompatibile

Scuola in bioediliziaGià avevo espresso il mio sconforto nell’osservare l’asilo sotto il mio ufficio, un luogo dove il verde è solo quello dei pannelli di plastica che ricoprono il pavimento. In quel post ero felice di annunciare l’idea dell’”agriasilo”.
Oggi ho un’altra confortante notizia. Nascerà presto la prima scuola ecocompatibile, sede di un asilo nido e di una scuola dell’infanzia.

Ad ospitare la struttura Bibbiano, comune in provincia di Reggio Emilia. Si tratta di un progetto da 3milioni 500mila euro, realizzato anche grazie al finanziamento di 750mila euro (corrispondenti al valore degli elementi a valenza ambientale) del Ministero dell’Ambiente.

La scuola sarà dotata di pannelli solari termici e fotovoltaici, pozzi geotermici, un impianto di ventilazione e trattamento dell’aria primaria con recupero del 95% del calore, mentre l’impiego di materiali bioedilizi nella sua costruzione garantirà un maggior isolamento termico rispetto ai minimi di legge. E non solo: “L'ingresso principale del polo dell'infanzia è rivolto a sud e non è un caso perché nei mesi più freddi anche il sole contribuirà a scaldare gli ambienti, mentre in estate le tende oscuranti terranno lontano il calore”, spiega il sottosegretario all’ambiente Laura Marchetti.

Il sindaco di Bibbiano, Sandro Venturelli, si fa invece due conti in termini di emissioni e afferma che “Una struttura come quella costruita normalmente emetterebbe 900 tonnellate di anidride carbonica, mentre con la tipologia costruttiva adottata, con i pannelli fotovoltaici e il geotermico che utilizziamo per il riscaldamento la riduciamo di due terzi”. Si parla di “1500 metri quadrati immersi nel verde” che ospiteranno 150 bambini dal prossimo settembre (altro che l’asilo sotto il mio ufficio!).

» Ministero dell’Ambiente
» Telereggio

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: