Il Natale si avvicina, si può essere consumatori ambientalisti?

Albero senza luci Manca oltre un mese al Natale e già da tempo in giro si respira la delirante atmosfera consumistica che precede questa festività. Anche noi potremmo iniziare a pensare a che regali fare, non proprio in veste di consumatori ma di ambientalisti. Mi piacerebbe in questo periodo prenatalizio cercare e scovare ecoregali da presentare a parenti e amici, magari da scartare in un atmosfera il più possibile sostenibile. Ecco perché prima dedicherò qualche riga a decorazioni e addobbi.

Il dilemma “albero di Natale vero o albero di Natale finto” sembra un problema insolubile. Lo scorso anno Lumachina parlò di uno studio che comparava l’impatto ambientale delle due opzioni e non si arrivava ad una e vera e propria conclusione. Anche io come lei ho scelto quello finto, nella speranza che mi duri il più a lungo possibile negli anni. Ma se si dovesse scegliere quello vero cerchiamo di adottare tutte le accortezze possibili per garantire un’ospitalità dignitosa all’albero nella nostra casa. Se il tema vi interessa il Corpo Forestale fornisce tutta una serie di consigli da seguire prima, durante e dopo il Natale.

Tralasciando il dilemma tra vero e finto proporrei pensare a una alternativa che non veda necessariamente come simbolo del Natale un abete. Organizzandoci un po’ di tempo prima potremo rimandare la nostra raccolta differenziata per utilizzare materiali come plastica, vetro e carta per fare degli alberi o decorazioni originali. Eccone n esempio (nella foto): un albero di Natale fatto di quotidiani arrotolati. Oppure potremo prendere dei rami secchi tagliati e decorarli in stile autunnale con pigne colorate, foglie secche, ricci di castagne...

In tema di decorazioni natalizie ci viene in aiuto anche la tecnologia. Per illuminare i nostri alberi e, perché no, i nostri angoli di casa potremmo utilizzare delle stelline di Natale ad energia solare. Ne ho trovate un tipo al costo di 48 euro per 45 luci. Il pannello carica le batterie durante il giorno garantendo l’accensione delle stelline per circa 8 ore gestibili grazie ad un interruttore on/off.

Ovviamente consigli e idee sono graditissime! Chissà quali fantasiosi ed ecoaddobbi ci sono in giro o già nelle vostre case...

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: