L'albero di Natale del Rockefeller Center di New York quest'anno si illumina di LED

Si sono accese mercoledì le luci sul gigantesco albero di Natale che - come ogni dicembre sin dal 1931 - domina il Rockefeller Center di New York.

Quest'anno l'albero è decorato con 30'000 lampadine a LED, che a parità di luminosità consumano 1/3 delle normali lampadine natalizie. In pratica, il consumo giornaliero di corrente elettrica dell'albero passa da 3510 KWh a 1297.

In più, con l'occasione, è stato presentato un impianto fotovoltaico composto da 365 pannelli installati al 45° piano di uno dei grattacieli del complesso Rockefeller: si tratta del più grande impianto fotovoltaico di Manhattan. Si può quindi dire che il consumo dell'albero di Natale è compensato dalla produzione di energia pulita.

La scelta dell'albero è una tradizione. La selezione avviene fra gli abeti norvegesi alti almeno 20 metri e larghi almeno 10 metri, anche se vengono privilegiate piante più alte (fino a 28 metri) e più larghe. Si parla quindi di alberi che abbiano almeno 80 anni e che possono avere anche 110 anni.

Un altro requisito è la chioma: deve essere folta al punto che non si possa intravedere il cielo fra i rami. Per questo motivo, non vanno bene gli abeti cresciuti nella foresta, che sono più irregolari. Il tronco ed i rami degli abeti di bosco infatti crescono cercando la luce. Servono quindi abeti piantati in giardini privati o parchi, cresciuti senza altri alberi intorno.

Pensate un po': la gente fa addirittura a gara per sbarazzarsi di piante secolari di proporzioni e forma perfette che troneggiano nel proprio giardino. Chi pensa di avere un abete rispondente ai requisiti richiesti - e sono tanti - manda una foto del proprio albero (con una persona accanto) all'apposito indirizzo del Rockefeller Center e poi c'è una selezione. Durante l'inverno - quando gli alberi caduchi hanno perso le foglie ed i sempreverdi spiccano - il manager responsabile dei giardini del Rockefeller Center vola in elicottero su e giù per gli Stati Uniti per vedere dall'alto gli abeti "candidati".

Una volta scelto il "fortunato" - ZACCHETE! - lo tirano giù in soli 2 minuti, sostenendone il peso dall'alto. Quando l'albero viene segato rimane quindi appeso dalla cima e poi viene adagiato orizzontalmente. Quest'anno però pare che non si sia usata la velocissima sega circolare, ma le tradizionali scuri.

Michael Bloomberg, sindaco di New York, è contento di dare l'esempio ai propri cittadini col suo albero "a impatto zero". Dire però che un albero secolare segato - anche se ricoperto di lampadine accese grazie ad energia pulita - è un esempio di ecologia da seguire, mi sembra un po' una forzatura.

» Rockefeller Center Christmas tree goes LED su Engadget
» The tree, one in a million sul sito ufficiale del Rockefeller Center di New York (dal menù, cliccare su see&do e poi su The Tree)
» Rockefeller Center, verde Natale su La Stampa

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: