L'elleboro: un po' di originalità a Natale!

Una pianta alternativa per le feste natalizie Foto emptybelly Pochi giorni fa abbiamo avuto modo di parlare della Stella di Natale che potrebbe essere un bel dono, anche se non troppo originale. Se però volete fare un regalo un po' diverso vi consiglio l'elleboro (Helleborus niger) altrimenti detto Rosa di Natale.

Questa pianta infatti, a differenza della Euphorbia pulcherrima, cresce a latitudini più simili alle nostre in boschi di alta collina o montagna, il che si traduce in un vantaggio in termini di cure e quindi di risparmio di tempo.

Secondo le leggende, l'elleboro è legato alla pazzia in quanto venne usata per curare le figlie del re di Argo che credevano di essere delle mucche e sembra che addirittura Ercole ne fece uso.

Essendo una specie di sottobosco si è adattata ad una luce non diretta e con un substrato ben dotato in sostanza organica anche se cresce con ogni tipo di terreno e, pur non superando i 30 cm di altezza, è comunque una splendida pianta sempreverde.

Con le sue fioriture invernali e la sua resistenza al freddo è ideale per davanzali, terrazzi o a terra purché in luoghi riparati dal vento, eventualmente in una campana di vetro e, se sarete bravi, potrete godervi questo spettacolo fino a marzo-aprile.

Possiamo facilmente moltiplicarla sia seminando che dividendo i rizomi in primavera. Fate però attenzione perché è una specie leggermente tossica, tenetene conto quindi in fase di propagazione, ma soprattutto è bene tenere lontano i bambini e la loro "fastidiosa" abitudine a mangiare tutto. :-)

» Helleborus sulla Wikipedia

  • shares
  • Mail