Anche le piante hanno i loro serial killer

Mesquite Si chiama Douglas Hoffman l’uomo condannato nei giorni scorsi in Nevada per arboricidio. L’accusa è di aver ucciso più di 500 alberi in un’area a sud di Las Vegas: un danno di 250 mila dollari. Ora rischia 35 anni di carcere. “La vita delle piante è importante per Douglas. Non si tratta di vite umane ma sono comunque degli essere viventi. Quando una pianta muore, lui non piange anche se in realtà soffre”, ha dichiarato la moglie dell’arboricida.

Le sue vittime preferite erano le “mesquite”, una leguminosa diffusa negli Stati Uniti e nel Messico. Alcuni venivano tagliati, altri solo incisi al fine di farli morire lentamente. L’uomo è stato preso da un ex-sceriffo, William Edwards, che tornando di notte a casa notò qualcosa di strano nel buio. Proprio come accade nei film americani, l’ex agente si è fatto coraggio e armato di mazza da golf ha catturato l’arboricida.

Via | Los Angeles Times

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: