2007: il meglio e il peggio secondo il WWF

wwf logo - ponchiang Lo scorso marzo il Corpo Forestale ha scoperto in Abruzzo un'area di quattro ettari con circa 185 mila metri cubi di sostanze tossiche come esacloroetano, tricloroerilene, triclorobenzeni e metalli pesanti. E’ questo il ricordo peggiore del 2007 per gli ambientalisti secondo il WWF. L’associazione ha stilato una classifica del peggio e del meglio dell’anno che sta per finire. Al primo posto proprio la più grande discarica abusiva scoperta nei pressi di Pescara.

Al secondo posto nel “hit del peggio” l’emergenza rifiuti in Campania. Questo più che un ricordo è una realtà che proprio in questi giorni si è ripresentata in tutto il suo macabro splendore. Durante le festività natalizie sembra siano circa 800 le tonnellate di rifiuti abbandonate per le strade di Napoli. Al terzo posto ci sono invece gli incendi: dal 1° gennaio al 14 ottobre sono stati oltre 9.300 i roghi che in Italia hanno distrutto oltre 140mila ettari di terreno di cui 68mila boscati.

Non è giusto però parlare solo del peggio. Il 2007 sarà ricordato anche per la nascita di 4 nuovi Parchi Nazionali nella regione Siciliana, per il decreto che introduce nuove norme sul rendimento energetico nell'edilizia, per le buone pratiche che distinguono tanti piccoli comuni della penisola, per il podio europeo conquistato dall’Italia in materia di certificazioni ambientali. Nuove specie animali sono tornate inoltre a far visita al nostro Paese: la lontra ha di nuovo fatto capolino nel fiume Sangro abbandonato da oltre 20 anni e nel Parco suburbano della città di Trieste è stata scoperta la presenza della “libellula eroe”, specie mai vista dalle nostre parti. Insomma, non mancano ricordi con cui consolarsi.

Via | Tutta la classifica del WWF

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: