Penna riciclata, ma non ancora del tutto ecologica

BeGreen la penna di plastica riciclata

"Beegreen - positive with the planet" e' lo slogan sul folder di presentazione della penna in plastica riciclata della Pilot che ho tra le mani. A produrla e' una azienda giapponese con vari stabilimenti certificati ISO 14001 di cui quattro in Giappone ed uno in Francia. Peccato che facendo qualche domanda vengo a sapere che le penne riciclate sono prodotte solo in Giappone e che lo stabilimento francese produce altro materiale di cancelleria. Le penne si fanno quindi il giro del mondo, generalmente via mare e in casi di urgenza anche via cielo.

"Tutti i prodotti Begreen sono composti da più del 65% di materiale riciclato. Tutte le penne a sfera sono ricaricabili." Qui trovo buone notizie, mi dicono che la Pilot sta pensando di dismettere la produzione non riciclata e di produrre solo penne ecologiche. Ci vorranno 5-10 anni, ma la tendenza pare sia forte. Al momento produrre una penna riciclata costa più che partire da plastica vergine e l'azienda ha deciso di vendere gli oggetti allo stesso prezzo, guadagnandoci di meno. Il piano aziendale prevede di ottenere economie di scala proprio cambiando in massa la produzione e, ovviamente, pensa di piacere ad un target sempre più sensibile all'impatto ambientale degli oggetti che acquista.

Oltre alle penne, la linea begreen comprende mine e portamine, gomme, evidenziatori e gli espositori di cartone per vendere quanto sopra. Nel catalogo si dice che percentuale di materiale riciclato e' presente in ogni oggetto

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: