Immondizia Campana: in arrivo multe dall'Ue

Un vicolo napoletano intasato dall'immondiziaPagherà l'Italia per la questione immondizia campana. A poche ore dalla ripresa dell'emergenza, come ha segnalato piccolosocrate nel post più sotto, sappiamo che pagherà la nazione, com'è giusto, per l'incapacità tra amministratori locali, nazionali, commissari ordinari e straordinari di mettere ordine nella filiera smaltimento rifiuti. Il passaggio formale si compie domani 6 maggio, per dare il tempo a Bruxelles di informare Roma sul deferimento dell'Italia alla Corte di Giustizia europea.

Mentre oggi si decide anche se aprire una nuova procedura sul caso del piano per la gestione dei rifiuti pericolosi nel Lazio, dopo che la Corte ha già condannato l'Italia. In arrivo, nel prossimo futuro, dunque multe salatissime per l'intero Paese per una questione non ancora risolta. E una certezza: in Italia non sappiamo, non vogliamo, non ci "conviene" gestire i rifiuti.

Per Bruxelles "il fattore chiave è l'evidente fallimento dell'applicazione della direttiva rifiuti e del piano regionale sulla gestione dei rifiuti della Campania del 1997 - e soprattutto - si sottolinea - non venivano date indicazioni sui tempi di attuazione riguardanti l'effettivo funzionamento degli impianti Rdf (Refuse Derived Fuel, ovvero i termovalorizzatori), gli inceneritori e le discariche". "Possiamo concludere - si legge alla fine del documento - che gli elementi per attuare un effettivo sistema di gestione dei rifiuti sono ancora lungi dall'essere completati, e quindi si propone di adire la Corte di giustizia" contro l'Italia.

Via | AliceNews
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
14 commenti Aggiorna
Ordina: