Siracusa seppellita dalle discariche abusive

Il mare di Fontane BiancheDopo il sequestro della discarica abusiva a Trieste, tocca ora a Siracusa. La Guardia di Finanza ha sequestrato a Fontane Bianche una delle zone balneari più belle della Sicilia, una maxi discarica abusiva di oltre 20mila metri quadri nella quale sono stati depositati rifiuti di orni sorta, anche pericolosi.

Risale, invece al 13 maggio scorso, il sequestro di un'area di 115mila mq., in zona archeologica del castello Eurialo, usata come sversatoio per rifiuti speciali. Arrestati i tre proprietari, mentre altri sette siti nella città di Cassibile tra cui rientra anche la zona di Fontane Bianche sono stati sequestrati poiché erano stati accatastati sacchetti dell'immondizia e rifiuti vari.

Le zone poste sotto sequestro si trovano in aree particolarmente importanti dal punto di vista ambientale e paesaggistico e già strette nella morsa di Priolo e Augusta dove sorgono i siti industriali per la lavorazione del petrolio. Dunque all'inquinamento provocato dalle industrie si aggiunge quello dei rifiuti.

Già lo scorso anno la polizia sequestrò una discarica piena di lastre di Eternit, materiale di risulta, vetri, di circa 60mila metri quadri, nel quartiere "Mazzarrona", zona di interesse archeologico per le "mura Dioniagiane" risalenti al tiranno Dionisio I.

Via| AdnKronos
Foto | Courtesy Sebastiano Pirtuzzello

  • shares
  • Mail