Pomodori ai geni che non invecchiano

Pomodori varietà cilieginoNon sono stati innaffiati con l'acqua della fonte della gioventù ma rafforzati geneticamente: da oggi i pomodori non avvizziranno più. Dopo la mela incantata presentata in Australia, è la volta dei ricercatori olandesi dell'Università di Amsterdam che hanno presentato la loro scoperta su Plos (Public Library of Science).

In pratica, grazie ad una selezione genetica, è stata messa a punto una pianta di pomodoro resistente ad un fungo che fino a ieri è stato la croce dei coltivatori: il Fusarium oxysporum, che inibisce le difese naturali della pianta, conservate in due geni, con una proteina. Ma i ricercatori olandesi hanno scoperto un terzo gene, in grado di annullare il fungo, e che sopratutto consente alla pianta di non invecchiare. Questa ricerca, come è dato capire, apre nuovi scenari, non più nella manipolazione genetica, ma nella selezione di geni da usare in maniera sostenible.

Un primo risultato è che questa scoperta renderà la vita facile agli agricoltori, in quanto uno dei più grandi problemi che li affliggono sono l'enorme quantità di agenti patogeni che attaccano le piante di pomodori e che crescono assieme al frutto, rendendo la guerra persa in partenza, in quanto così come la pianta trova il modo di difendersi, così l'agente patogeno si rafforza . Fu famoso, in passato, la perdita del pomodoro san marzano che a causa della virosi rischiò di essere cancellato dalla piana del Sele. Fino ad oggi, per avere piante sempre più resistenti e con metodo sostenibile, si sono incrociate le specie provando a rafforzarle attraverso le strategie sviluppate singolarmente. E i ricercatori olandesi hanno aggiunto a questa tecnica già conosciuta una selezione di geni.

Via | Ansa
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: