Crisi dei rifiuti: il populismo di Berlusconi e la rabbia di Acerra

Pugno duro con chi impedisce l'apertura delle discariche. Questa la linea dura del Governo Berlusconi durante il Consiglio dei ministri dell'altro giorno a Napoli. E contro chi inquina impunemente cosa ci sarà? La decisione del Cavaliere e del suo Governo non fa altro che gettare benzina sul fuoco. Sopratutto ad Acerra dove tra terreni inquinati, discariche abusive, inceneritore non ancora completato e raccolta differenziata appena agli inizi, la presa di posizione del Governo fa solo montare la rabbia. E questa volta non dei cittadini. Ma dell'esecutivo e dell'Assessore all'Ambiente, Andrea Piatto che ha definito il pugno duro di Berlusconi:

misure che ricordano i regimi sudamericani e producono una contrazione della democrazia, soprattutto quando, alla luce delle indagini della Magistratura, si è poi dimostrato che ciò che i comitati denunciavano poi, in realtà, si è meritato l'attenzione dell'Autorità Giudiziaria.

Nell'intervista che ha concesso ad Ecoblog ne ha per tutti e non risparmia nessuno e ha sottolineato quanto il Comune laddove ha riscontrato le mancanze denunciate, ad esempio, da dossier come quello di Report Terra bruciata, ha iniziato a colmarle ma solo per la volontà di uscirne.
E l'Assessore mi dice:

Mi riprometto di rispedire i camion di rifiuti che da Napoli arriveranno ad Acerra. E non mi preoccupa essere arrestato perchè oggi, a quanto pare, per fare carriera politica devi essere stato o in galera o avere fatto la velina.

I tempi duri sono appena iniziati.

  • shares
  • Mail
18 commenti Aggiorna
Ordina: