In Sicilia un villaggio vacanze a impatto zero

Villaggio Marispica in Sicilia

Nell’estremo sud della Sicilia, nella località di S. Maria del Focallo, è stata da poco inaugurato la struttura turistica ecosostenibile Villaggio Marispica. Tutto merito della collaborazione tra il gruppo i GrandiViaggi e l’azienda di sviluppo di soluzioni solari tecnologiche Isofotόn. Il fiore “verde” all’occhiello del villaggio è un impianto fotovoltaico da 50 kW. D’altronde in Sicilia il sole non manca. Quello che manca è l’allacciamento dell’Enel per il funzionamento della struttura!

Marispica è stato inaugurato lo scorso giugno, ma ancora nessun turista ha potuto visitarlo. Dall’amministrazione lamentano la mancanza di collaborazione da parte dell’Enel per il montaggio dei contatori che dovranno misurare l’energia prodotta dall’impianto. Non poca visto che l’elettricità derivante dall’impianto fotovoltaico consentirà di evitare emissioni di CO2 pari a 54.100 kg all’anno, ovvero circa 1.300 tonnellate considerando l’intero ciclo di vita di 25 anni dell’installazione.

La Isofotόn spiega come l’impianto sia composto da moduli monocristallini ad alta efficienza costituiti da celle piramidali, posizionati su una tettoia sovrapposta ad uno dei capannoni di servizio nel retro del villaggio, con una struttura progettata in loco che ha permesso la completa integrazione dei moduli creando una pergola fotovoltaica.

La struttura è in lamiera zincata con supporti in acciaio, progettata in un unico blocco che si estende sui 400 m² di superifice della pergola, l’orientamento è completamente a sud con un’inclinazione di 29º. Questo tipo di impianti è supportato dalle incentivazioni del Conto Energia, il programma europeo di incentivazione in conto esercizio della produzione di elettricità da fonte.

Non solo l’impianto fotovoltaico è fonte di vanto per il Villaggio Marispica. Un pozzo artesiano permette la raccolta dell’acqua per l’uso sanitario e per l’irrigazione. L’acqua potabile giunge invece dall’acquedotto comunale o in alternativa dall’impiego di un sistema ad osmosi inversa. Tutta la zona servizi lato spiaggia (circa 350 metri) è servito da una condotta fognaria regolarmente autorizzata che recupera sia l’acqua di scarico delle docce al rientro dal mare che quelle dei servizi igienici e tecnici. D’obbligo la raccolta differenziata.

Insomma l’unica cosa che sembra mancare è l’allacciamento dell’Enel!

Via | i Grandi Viaggi
Foto | i Grandi Viaggi

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: