Marte, il suolo potrebbe ospitare forme di vita (e anche asparagi)

Le foto dei suolo di marte e le modalità di prelievo

I primi sorprendenti risultati dell'analisi del suolo di Marte portano un'altra ventata di entusiasmo e di ottimismo alla Nasa. E' confermato dai primi rilievi della sonda Phoenix: il terreno di Marte è adatto alla vita grazie alle sostanze nutritive e ai sali presenti e per composizione somiglia al terreno dell'Antartide e tanto alcalino che per assurdo ci si potrebbero coltivare asparagi così come il popolo di twitter sta già discutendo e sognando.

Le foto dei suolo di marte e le modalità di prelievo Le foto dei suolo di marte e le modalità di prelievo Le foto dei suolo di marte e le modalità di prelievo

Ha detto Sam Kounaves della Tufts University uno degli scienziati che sta studiando il suolo di Marte:

Questa è la prima analisi chimica su terreno bagnato mai fatta su Marte o su qualunque altro pianeta diverso dalla Terra. Questo terreno sembra essere analogo ai suoli delle valli secche in Antartide. L'alcalinità ed è un dato sicuramente sorprendente, ha un pH compreso fra otto e nove. Abbiamo anche trovato una varietà di componenti di sali che non abbiamo avuto il tempo di analizzare e individuare, ma che includono magnesio, sodio, potassio e cloruro. E Questa è la prova, tra i vari elementi disponibili che vi sia dell'acqua. Abbiamo anche trovato un numero ragionevole di sostanze nutritive, o prodotti chimici necessari per la vita come la conosciamo. E sono giunto alla conclusione che Marte non è un mondo alieno ma che in molti aspetti è simile, nella minaralogia, alla Terra.

Un altro strumento di analisi del Phoenix, è la e-Evolved Gas Analyzer (TEGA), che ha cotto il suo primo esemplare di suolo a 1000 gradi Celsius (1800 gradi Fahrenheit). E anche in questo caso si tratta di un primo esperimento, che intende identificare le sostanze chimiche sia del suolo sia del ghiaccio, ma a causa del lungo processo i risultati arriveranno solo tra qualche settimana.

Ha dichiarato William Boynton della University of Arizona e co-ricercatore al progetto TEGA:


I dati scientifici in uscita dallo strumento sono stati spettacolari: a questo punto, possiamo dire che il suolo ha chiaramente interagito con l'acqua in passato. Non sappiamo se tale interazione si è verificata solo in questo settore particolare nel nord della regione polare, o se invece sia avvenuto anche altrove e del terreno sia stato trasportato in questo settore.

Foto | Courtesy NASA

Le foto dei suolo di Marte e le modalità di prelievo

Le foto dei suolo di marte e le modalità di prelievo Le foto dei suolo di marte e le modalità di prelievo Le foto dei suolo di marte e le modalità di prelievo

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: