A Pechino banditi i veicoli più inquinanti

A Pechino niente veicoli inquinanti Come sappiamo le Olimpiadi di Pechino incombono, e il governo cinese le sta provando un po' tutte per abbattere l'inquinamento atmosferico che rende irrespirabile l'aria della città e mette a rischio la buona uscita di alcune gare (soprattutto quelle di resistenza) e mina lo stesso spirito dei giochi (molte squadre hanno espresso la volontà di non soggiornare nel villaggio olimpico).

Dopo la delocalizzazione di molte fabbriche fuori città, o il potenziamento dei mezzi pubblici, ecco il divieto di circolazione per i mezzi più inquinanti da luglio a settembre, per cercare di migliorare la qualità dell'aria durante Olimpiadi e Paraolimpiadi. Il divieto riguarda tutti i veicoli che non rispettano gli standard Euro I. Ovvero su oltre 3,3 milioni di veicoli, parliamo di circa 300mila mezzi, in particolare camion per il trasporto merci.

Verranno messi dei sensori laser per intercettare i trasgressori, sensori che in poco meno di un secondo sono in grado di valutare i livelli di emissioni di un veicolo, e in particolare saranno dislocati intorno alle zone dei giochi. Invece per le macchine meno inquinanti sarà introdotto un sistema di ingresso alla città a targhe alterne, sempre per assicurare (o almeno sperano) giochi più puliti a tutti i costi.

Via | G-forse
Foto | nozomiiqel

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: