Dal 2015 la Ferrari sarà ibrida?

Il logo Ferrari

I colleghi di autoblog si chiedono da qualche giorno a quale nuovo modello stanno lavorando in casa Ferrari. Per caso oggi mi sono imbattuta in una intervista uscita il 6 luglio sul Die Welt a Luca Cordero di Montezemolo che parla di Ferrari, ovviamente, ma anche di ecologia e di CO2 e annuncia che la casa di Maranello ridurrà del 40% le emissioni su tutti i nuovi modelli entro il 2012. Ma quanto influisce su queste decisioni il prezzo del greggio? avrei voluto chiedergli io.

Intanto Marco Dalan, l'autore dell'intervista, ha detto al Presidente Montezemolo che anche i sogni devono avere requisiti ambientali.

Certo, la questione della ecologia è incredibilmente importante -dice Montezemolo- Risparmiare energia, proteggere l'ambiente, le risorse, sono tutte cose che noi di Ferrari affrontiamo con tutti gli strumenti che abbiamo in possesso. Negli Stati uniti Ferrari è indiscutibilmente la numero uno, nel suo segmento, nonostante i pesanti vincoli ambientali e i limiti di velocità, perché? Quando si parla di Ferrari, si deve sempre tenere conto dell'elemento irrazionale. Perché comprare una bella pittura? un cavallo di razza? Perché piace non perché vi sia un vantaggio.


E svela che Ferrari sta lavorando nel breve periodo alla riduzione delle emissioni, mentre sul lungo periodo alle nuove tecnologie, aggiungendo che un primo modello ibrido ( ma non specifica se a idrogeno, elettrico o altro) potrebbe essere immesso sul mercato entro il 2015. Dice Montezemolo:

Siamo per lo sviluppo di una Ferrari che utilizzi fonti alternative e si potrebbe partire da ciò che abbiamo in Formula Uno con il recupero di energia attraverso il sistema KERS. E se il veicolo rispetta la linea e la sportività Ferrari sarà accettata dal mercato perché sarà sostanzialmente una Ferrari.

Magari tra qualche decennio avremo anche la Ferrari a pannelli solari.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina: