Un gene salverà le rane dall'estinzione

african clawed frog Importante scoperta per il biologo Bruce Waldman ed i suoi collaboratori (Seth Barribeau e Jandouwe Villinger), ma soprattutto per la popolazione delle rane. Il team di ricercatori ha infatti identificato alcuni geni che renderebbero gli anfibi resistenti a batteri nocivi e malattie, evitandone l'estinzione.

Lo studio è stato effettuato esponendo alcuni girini di rane sudafricane (African clawed frog) a massicce dosi del batterio Aeromonas hydrophila, esaminando così la quantità di girini sopravvissuti e calcolando la loro velocità di crescita. Il riscontro? Alcuni dei girini sopravvissuti hanno evidenziato ritardi nella crescita ma tutti condividevano la stessa particolarità: i tre biologi hanno infatti dimostrato come la presenza in questi girini di geni MHC conferisse loro l'immunità da malattie.

Il team di ricerca ha deciso di effettuare lo studio su questo tipo di rane in quanto il loro sistema immunitario è già ben noto, ma data la similarità di quest'ultimo con quello di molte rane e rospi, la speranza è quella di poter applicare i risultati della ricerca su tutti gli anfibi a rischio.

Via | ScienceDaily.com

  • shares
  • Mail