Le vacche tedesche inquinano quanto le automobili

MuchheLa carne bovina è fra le più importanti cause di riscaldamento globale. Questo è quanto sostiene Thilo Bode, numero uno di Foodwatch una organizzazione per la difesa dei consumatori della Germania. Che i bovini siano responsabili dell'emissione di grandi quantità di metano, un gas serra 23 volte più potente dell’anidride carbonica, già si sapeva, però secondo il presidente dell'associazione c'è da aggiungere qualcosa.

Le vacche tedesche (e quelle di tutto il mondo naturalmente) infatti - afferma -inquinano quanto i Suv, al punto da doverle necessariamente definire come delle vere e proprie "bombe climatiche". L'unica differenza fra macchine e animali - continua Bode - è che la lobby agricola è finora riuscita a tenere il fatto nascosto, al contrario di quanto non abbiano saputo fare acciaierie, produttori di energia, industria dell’automobile, compagnie aeree.

La Foodwatch è arrivata a queste conclusioni dopo aver effettuato uno studio insieme all’Istituto per la ricerca sull’economia ecologica (Ioew). I risultati ottenuti sono assolutamente interessanti. L’agricoltura tedesca infatti emette nell’atmosfera ogni anno l’equivalente di 133 milioni di tonnellate di anidride carbonica, poco meno di quella emessa da tutto il traffico sulle strade della Germania (152 milioni di tonnellate).

L'associazione è critica sul fatto che, nel valutare il mercato automobilistico e quello agricolo, vengano utilizzati due pesi e due misure. Mentre alle automobili - afferma Bode - stanno per essere applicate norme europee piuttosto severe per ridurre le emissioni, l’agricoltura è invece praticamente assente dai programmi di abbattimento dei livelli di gas serra del governo tedesco e della Ue.

Ma il presidente non si ferma e rincara la dose: la questione non va sottovalutata e, anzi, dovrebbe spingere tutti a consumare meno carne. Secondo lo studio produrre un chilo di carne bovina con metodologie intensive (le più usate) equivale, in termini di emissioni, a un viaggio di 70,6 chilometri in utilitaria. Ancora peggio se il chilo di carne è prodotto con metodologia biologica: l’equivalenza è di 113,4 chilometri.

Un chilo di formaggio emette quanto un’auto che viaggia per 71,4 chilometri. È necessario ridurre i consumi di carne, dicono dunque gli scienziati. Il calcolo delle emissioni agricole e zootecniche tiene conto di una varietà di fattori: l’uso di fertilizzanti, diserbanti, pesticidi e il costante uso agricolo di zone umide, che provoca il rilascio nell’atmosfera di grandi quantità di anidride carbonica.

Il ministero dell’Agricoltura tedesco, finora, ha evitato di affrontare il problema. Ma il ministero dell’Ambiente di Berlino ha preparato un documento (riservato) nel quale si sostiene che non ha senso lottare contro i cambiamenti climatici se poi si danno, attraverso la Politica agricola comunitaria, miliardi di euro a un settore che finora non si è nemmeno posto il problema dell’effetto serra. C'è già chi propone di mettere una tassa “ecologica” sulla carne e sul latte.

Via | Corriere.it

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
21 commenti Aggiorna
Ordina: