America, le presidenziali si aprono sui mercati del petrolio e dell'energia

Palin e McCain alla convention repubblicana

A pochi mesi dalle elezioni presidenziali americane, con la "carta" Sarah Palin, giocata l'altra notte, presentata come vicepresidente degli Stati Uniti, in caso di vittoria del candidato repubblicano McCain, sono svelate le carte di quella che potrà essere la strada che intraprenderà l'America, e non solo, per i prossimi quattro anni.

L'atmosfera si è fatta calda e non solo perché Miss Palin, governatore dell'Alaska (il cui sottosuolo è ricco di petrolio), bianca, di destra, è favorevole a tutto ciò che è petrolio, nucleare e carbone, ma perché tutto il resto del mondo occidentale ridefinirà le proprie politiche di approvvigionamento all'energia in base ai risultati del voto.

L'Italia e l'Europa non sono esenti da scelte che le coinvolgeranno in prima battuta. Ecco cosa c'è ad oggi sullo scacchiere occidentale:

Dick Cheney, vicepresidente UsaLa Georgia nella Nato - Ne parlavamo qualche post fa della guerra in Georgia e delle mire statunitensi sullo stato ricco di petrolio e gas. Proprio oggi Dick Cheney, vicepresidente Usa, in visita in Ucraina, Azerbajdzhan e Georgia (i serbatoi di idrocarburi della Russia) ha annunciato che sia l'Ucraina sia la Georgia entreranno nella NATO. E come cadeau porta al presidente georgiano Saakashvili circa 50 milioni di dollari in auti umanitari.

Contestualmente dovrebbe ripartire Nabucco, il gasdotto che dall'Azerbajdzhan, senza passare per la Russia, fornirebbe gas all'Europa. Il problema è che oltre ad essere parecchio costoso potrebbe anche rivelarsi parecchio pericoloso: la pipeline dovrebbe essere posta sul fondo del mar Caspio ad alto rischio sismico.

Ignazio La Russa Ministro della DifesaLa politica estera italiana - La Russa ha inviato un ufficiale in Georgia, a seguito di Cheney e lo ha definito: " il contingente italiano". Franco Frattini, Ministro degli Esteri, è rientrato da poche ore dalla Russia dove ha incontrato il suo omologo Sergei Lavrov.

La visita della Farnesina è servita per aprire una strada agli osservatori dell' Ocse (Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa).

Ha dichiarato il Ministro Frattini:

Parlando con il Ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, ho avuto la disponibilità di Mosca ad accettare una missione internazionale dell'Ocse nel Caucaso, con un contributo dell'Ue con compiti di polizia nella zona di sicurezza

Frattini ha proposto, inoltre, una conferenza internazionale a Roma sul Caucaso, che si potrebbe tenere in novembre, aperta anche alla Turchia. L'obiettivo è stabilizzare la condizione della Georgia: ergo, trovare il modo migliore di spartirsi le sue risorse.

Norvegia, la mappa del ritrovamentoIl petrolio della Norvegia - Il 25 agosto scorso la compagnia petrolifera norvegese StatoilHidro annuncia che nel mare del Nord è stata rinvenuta una nuova falda che consentirà l'estrazione tra i 100 e i 125 milioni di barili. La Norvegia è il terzo esportatore, con i suoi tre milioni di barili al giorno, dopo Arabia Saudita e Russia.

Foto | aquadoc, bp2, Flickr

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: