Trenitalia, sui treni solo cani di piccola taglia per combattere pulci e zecche

cane che guarda dal finestrinoDopo l’ennesimo caso di una viaggiatrice punta dalle zecche sul treno Roma-Agrigento, Trenitalia ha deciso di affrontare il problema degli insetti in modo drastico. Dal primo ottobre, infatti, sarà vietato l’accesso ai vagoni ai cani che pesano più di sei chili e i più piccoli dovranno comunque viaggiare in un trasportino.

Inoltre, gli animali, a parte i cani guida per ciechi, dovranno avere un certificato del veterinario che attesti l'assenza di “infestazioni o patologie trasmissibili”. I trasgressori saranno puniti con una multa da 100 euro.

Immediate le reazioni dei possessori di animali e delle associazioni animaliste. Oltre al ridotto numero di quadrupedi che normalmente viaggiano sui treni, infatti, la profilassi antiparassitaria è già obbligatoria per cani e gatti. Secondo molti, quindi, il problema dell’infestazione dei treni dipenderebbe più dalla scarsa igiene e da carenti servizi di pulizia, che dalla presenza sporadica di cani di media e grossa taglia.

Via | Corriere.it
Foto | °linda°!°

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: